di Alessandro DE CAROLIS 

Una partita che ha regalato poche emozioni nella prima frazione con le due formazioni capaci di creare pericoli solo con tiri dalla distanza. Lazio in campo con il nuovo innesto, già annunciato nei giorni scorsi, Antonio Rozzi.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Un ritorno nella Primavera come Tounkara per dare una mano a questa Lazio in piena zona retrocessione. Dopo un primo brivido al 1′ sull’azione di Juwara arriva al 4′ l’occasione di Sarac. Lukaj apre bene per il numero 10 biancoazzurro che però calcia di poco a lato da ottima posizione. Al 11′ ci riprova Juwara ma la sua conclusione trova la rete esterna. Al 13′ si mette in luce Rozzi controllando il pallone spalle alla porta prima della sua conclusione al volo: para senza problemi Pavoni. Al 17′ qualche protesta dei padroni di casa per un contatto sospetto in area laziale tra Silva e Bertagnoli, l’arbitro Clerico lascia giocare.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Occasione per il Chievo al 20′ sempre con Juwara che con una botta dalla distanza chiama alla sua prima e vera parata Alia. L’estremo difensore biancoazzurro si distende e devia in calcio d’angolo. Entrambi i portieri disinnescano gli unici tiri dalla distanza che arrivano col passare dei minuti, ma Alia rischia di farla grossa al 35′. Perde palla con un inutile colpo di tacco ma viene graziato da Bertagnoli che conclude alto sulla traversa. Nell’ultimo dei cinque minuti di recupero di prova la Lazio con Spizzichino che, ben servito da Sarac, si inserisce in area concludendo sul fondo. Inizio incoraggiante per la Lazio che attacca subito nei primi minuti della ripresa. Al 46′ sul cross di Sarac Lukaj conclude in scivolata ma la deviazione di un clivense non spiazza Pavoni che blocca a terra. Altra occasione biancoazzurra al 48′ sempre sui piedi di Lukaj sull’iniziativa di Rozzi.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

La conclusione dello svizzero si perde alta sulla traversa. In questo ottimo avvio della Lazio arriva però al 57′ il vantaggio del Chievo col gol di Juwara. La Lazio però c’è e reagisce quasi subito trovando il meritato pareggio al 65′ col gol di capitan Miceli. Terzo centro in questo campionato. Da applaudire Silva che ha recuperato un pallone praticamente perso destinato sul fondo. Lazio molto pericolosa dalle parti di Pavoni con Juwara a rappresentare i veri pericoli del Chievo in contropiede. Nel finale però la Lazio subisce il gol del 2-1 e perde in maniera davvero immeritata.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

IL TABELLINO

CHIEVO-LAZIO 2-1

MARCATORI: 57′, 90′ Juwara (C), 65′ Miceli (L)

CHIEVO VERONA (3-4-3): Pavoni; Kaleba, Pogliano, Bran; Liberal, Di Masi (84′ Rivi), Danieli, Michelotti; Juwara, Pedroni (46′ Isufaj), Bertagnoli A disp. Zanchetta, Barellini, Costa, Salvaterra, Gianola, Omayer, Zuelli All. Lorenzo D’Anna

LAZIO (3-5-2): Alia; Silva, Baxevanos, Petro; Spizzichino, Marchesi, Miceli, Lukaj (86′ Bari), Aliaj (78′ Al-Hassan); Sarac, Rozzi A disp. Furlanetto, Boateng, Falbo, Peguiron, Kalaj, Mohamed, Javorcic All. Andrea Bonatti

ARBITRO: Alessio Clerico (sez. Torino) ASS: Dicosta- Bertelli

NOTE: AMMONITI: 28′ Miceli (L), 56′ Silva (L), 70′ Juwara (C) REC: 5’Ppt-3’st.

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

LASCIA UN COMMENTO