Alla vigilia di Lazio-Genoa, gara valida per gli ottavi di finale di TIM Cup, il tecnico biancazzurro Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa dal Centro Sportivo di Formello.

Sono ambizioso e ho una squadra ambiziosa. Da ieri stiamo pensando al Genoa, devo valutare come stanno i miei ragazzi e come hanno recuperato dalla sfida contro l’Atalanta perché abbiamo speso tantissime energie. Penseremo alla Juventus da giovedì. Domani abbiamo l’obbligo di fare una grande gara. Loro credono alla Coppa Italia, ma noi non vogliamo lasciare nulla al caso.

Cambierò qualcosa, abbiamo avuto due sfide ravvicinate, ma non stravolgerò la squadra. Abbiamo a disposizione due allenamenti, al termine di questi deciderò la formazione. Nella storia della Lazio la Coppa Italia ha sempre avuto grande importanza. Noi domani vogliamo far bene, vogliamo andare avanti nella competizione.

Djordjevic si è allenato bene, è stato disponibile e l’ho schierato negli ultimi 10 minuti contro l’Atalanta. Si è dato da fare per aiutare la squadra. Domani Rossi e Murgia faranno parte dei convocati, non so se giocheranno. Tante cose cambiano alla vigilia in base alle indicazioni che arrivano dagli ultimi allenamenti.

Leitner si sta proponendo nel migliore dei modi, è molto umile e sta imparando giorno dopo giorno dai compagni più esperti. Simeone lo ricordo quando veniva qui al campo con il padre nell’anno dello scudetto. A volte invadeva il terreno di gioco, voleva sempre il pallone tra i piedi ed era un ragazzo esuberante; è cresciuto tanto ed è una realtà del nostro campionato. E’ un giocatore molto importante, ha dimostrato di poter giocare in Serie A.

Sappiamo che il Genoa è venuto qui nella Capitale per preparare la partita perché ci tengono molto. Troveranno una Lazio che proverà ad andare avanti in Coppa Italia. Non so se giocheremo a tre, ho ancora due allenamenti per valutare modulo e uomini. Una squadra non può tenere ritmi infernali per 90 minuti, ma deve sempre fare la partita senza subirla.

Simeone è un calciatore di qualità e, come tutti i calciatori di qualità, sarebbe ben accetto. Lukaku è importante per noi, ha avuto problemi nel suo momento migliore. Ha giocato gare di buon livello. Ha perso quest’ultimi due mesi a causa di un infortunio, ma si sta allenando bene e domani farà parte della partita.

Sono stato contento delle due gare disputate da Luis Alberto, doveva sostituire Keita in due match difficili da affrontare. Ha fatto un buonissimo lavoro, si è sacrificato e ha fatto giocate importanti. Peccato che abbia centrato il palo e che non abbia segnato, è stato bravo Berisha a deviare il suo tiro. Ha giocato come mi aspettavo”.

LASCIA UN COMMENTO