di Fabio BELLI

STRAKOSHA 6 Ordinaria amministrazione la sua, si preoccupa davvero solo sul pallone avvelenato di Nestorovski a fine primo tempo

BASTA 5.5 Dopo un ottimo primo tempo, condito anche dall’assist a Milinkovic-Savic, viene quasi scherzato da Aleesami nella ripresa. In sofferenza eccessiva.




WALLACE 7 Ormai una sicurezza, il leader difensivo che alla Lazio mancava in assenza di De Vrij.

RADU 6.5 Mezzo voto in più per il grande intervento che salva la Lazio nella ripresa. Nel primo tempo non mancano quelle sbavature tipiche del suo modo di giocare.

LULIC 6 Si salva con mestiere in diverse situazioni, già ammonito viene tolto da Inzaghi anche in vista del derby. (dal 64’ LUKAKU 6 Al rientro dopo l’infortunio, evidenzia i soliti problemi in copertura ma si fa sentire in fase offensiva).




PAROLO 7 Come al solito, si vede poco ma si fa sentire molto: indispensabile a centrocampo.

BIGLIA 7 Finalmente in forma, dopo tanti problemi fisici sta tornando quel campione di livello internazionale che tutti conoscono. Playmaker sempre nel vivo del gioco.

MILINKOVIC-SAVIC 7.5 Match winner, ma soprattutto in grande spolvero in una delle sue migliori prestazioni stagionali. Onnipresente nel gioco aereo, perfetto negli inserimenti tra le linee. Super.




FELIPE ANDERSON 7 Il pallone che innesca Basta per il gol decisivo laziale è un vero cioccolatino. Le sue accelerazioni fanno sempre male al Palermo, non forza sui contrasti attento a non farsi ammonire poiché diffidato (dal 68’ DJORDJEVIC 5.5 Entra per far salire la squadra, impalpabile ancora una volta).

IMMOBILE 6.5 Sempre straordinario lottatore, stavolta meno preciso del solito sotto porta. Il suo movimento è comunque indispensabile alla squadra.




KEITA 6 Meno incisivo del solito, soprattutto manca nel secondo tempo di quei guizzi che pur aveva fatto vedere nel primo tempo. Deve trovare finalmente autonomia per tutti i 90’ del match (dal 81’ LOMBARDI 7: Entra sempre con voglia straordinaria: da un suo guizzo arriva l’espulsione di Gonzalez che lascia il Palermo in dieci nel finale).

L’ALLENATORE SIMONE INZAGHI 7 Studia come al solito la partita con grande acume tattico, motivando i suoi al meglio nonostante il derby all’orizzone. Il secondo tempo mostra forse la Lazio peggiore degli ultimi due mesi, ma questi tre punti valgono davvero oro.




LASCIA UN COMMENTO