di Alessandro DE CAROLIS

Conferenza stampa post derby decisamente migliore rispetto a quella di giovedì sera. Un pareggio ottimo per la classifica, per la prestazione dimostrata sul campo e la voglia di ripartire da subito. Un Inzaghi a tutto tondo che affronta il derby in tutte le sfaccettature, un commento sulla lotta Champions e la spinta incredibile del popolo biancazzurro

I cambi fatti per necessità:

“Sono contento per i due cambi fatti a inizio secondo tempo. Vanno fatti i complimenti a Lulic che ha giocato non al meglio con molta sofferenza. Con l’ingresso di Luis Alberto ho dovuto scegliere tra Felipe e Immobile. Sono soddisfatto dei miei ragazzi perché alla fine abbiamo concesso poco e giocato bene”.

 Una Lazio capace di reagire subito:

“Sul campo ho visto molto bene la mia squadra. L’anno scorsa con la Roma c’era un bel distacco in classifica dalla Roma mentre quest’anno ce la giochiamo a pari punti. Quest’anno abbiamo perso pure giocatori importanti ma rimpiazzati nel migliore dei modi, abbiamo giocato più partite di Inter e Roma, sapevo che non eravamo da settimo posto come dicevano. Siamo qui dopo trentun partite per un motivo preciso”.

 Una stagione sopra le righe:

“Sono cinquanta partite che i miei ragazzi mi entusiasmano, e come entusiasmano anche i nostri tifosi. Abbiamo vinto una Supercoppa, siamo arrivati a un passo dalla finale di Coppa Italia, siamo usciti per grande sfortuna in Europa. ”.

 Il tifo laziale è il dodicesimo uomo in campo:

“I tifosi sono stati l’uomo in più stasera. Io ho cambiato solo due uomini rispetto a giovedì. Gli avevo detto che la stanchezza sarebbe passata una volta in campo. E infatti ci hanno dato una spinta incredibile. Ci hanno dato sempre dato molto, a Salisburgo hanno fatto molti sacrifici e ci dispiace non essere riusciti a ripagarli”

 

LASCIA UN COMMENTO