Stefan de Vrij, al termine dell’allenamento è intervenuto in diretta ai microfoni di Lazio Style Channel (233 di Sky) e Lazio Style Radio, 89.3 FM.

Oggi abbiamo lavorato tanto, quasi due ore, è stato duro ma tutto questo ci serve per stare in forma.

Il reparto difensivo sta crescendo molto, ogni giorno lavoriamo insieme e qualche volta anche con i centrocampisti. Si vede che stiamo migliorando perché ripetendo gli esercizi si cresce e poi sappiamo come dobbiamo fare. Va molto bene con i nuovi, sono forti, sento che la squadra è cresciuta e sta molto bene.

Mi manca la Nazionale ma la mia priorità per ora è la Lazio, prima delle convocazioni avevo giocato solo due volte per 90 minuti, era presto per la Nazionale, magari la prossima volta mi chiamano ma prima devo continuare a giocare qui.

Con Hoedt abbiamo lavorato bene, si vede che ci conosciamo e sappiamo cosa facciamo e come dobbiamo giocare. Il parlare la stessa lingua aiuta, ma parliamo abbastanza bene anche l’italiano così possiamo comunicare bene con gli altri. È normale che parliamo olandese ogni tanto.

Kishna sta bene, si vede che è in forma, non solo mentalmente ma anche fisicamente è un bravo giocatore, hai piedi buoni, può creare dei buoni cross, è veloce, è molto bravo.

Dopo ogni allenamento faccio 15 o 20 minuti di crioterapia fino al collo, le prime volte, quando uscivo dal ghiaccio, rimanevo congelato per un po’, ora mi sto abituando, sto meglio e mi sento più energico, per il corpo va benissimo. Ad Auronzo ci siamo immersi nel lago fino alle gambe, il prossimo anno ci provo fino al collo.

L’anno scorso mi è mancata molto la squadra, mi piace stare con i miei compagni, stare in campo con i palloni, mi è mancato molto ma sono sempre rimasto positivo, quel periodo di assenza l’ho visto come un passo indietro per fare dei passi in avanti ora, è stato un periodo costruttivo.

Contro l’Atalanta non ho pensato tanto alla mia assenza, mi sono concentrato sulla partita e su cosa dovevamo fare.

Mi trovo bene sia con la difesa sia a quattro sia a tre, dipende anche dagli avversari, il mister ha fatto bene tatticamente in tutte e due le partite, siamo stati sfortunati con la Juve ma loro sono i più forti d’Italia. Fa sempre male quando si perde, per me è stato bello giocare di nuovo all’olimpico, mi è mancato il campo, lo stadio e i tifosi, volevo vincere e potevamo farlo, purtroppo non è successo ma ora guardiamo avanti.

Hoedt o Bastos? Non si può scegliere tra i compagni, sono due bravissimi calciatori, l’importante è che sappiamo cosa fare, ci deve essere un’unione tra noi. Questa stagione sento molta fiducia anche per loro. Mi sento responsabilizzato, ma questa responsabilità me la sentivo già dal primo anno, sono fatto così.

Per i difensori la priorità è non subire gol e difendere bene ma se possiamo andare avanti con una punizione o un calcio d’angolo se c’è la possibilità è bello provare a segnare.

Per la sfida contro il Chievo ci stiamo preparando, sappiamo come giocano, sarà tosta, loro sono bravi soprattutto al Bentegodi, dobbiamo stare attenti ma andiamo lì con tanta fiducia.

Il nostro obiettivo è quello di giocare in Europa, se penso al primo anno qui è stato bellissimo, proviamo a rifarlo ma piano piano, guardiamo partita dopo partita.

Quanti gol vorrei fare? Il più possibile.

Il mio esordio con la maglia biancoceleste fu in Coppa Italia, una bellissima emozione, segnare all’olimpico è stato fantastico e spero che succederà più volte visto che fino ad ora quella è stata l’unica volta.

È vero che vincere a Bergamo è veramente difficile, noi ci siamo riusciti. Ma se alla fine del primo tempo vinci tre a zero, non può succedere quello che è accaduto. Abbiamo iniziato la ripresa sottopressione ma alla fine abbiamo vinto ed è questo quello che conta.

Io voglio vincere sempre, anche durante le partitelle di allenamento, odio perdere, faccio di tutto per vincere, infatti oggi ho vinto e sono contento. In squadra siamo tutti così ed è una cosa bella perché vuol dire che c’è spirito, gruppo e voglia di vincere.

Fisicamente mi sento quasi al 100%, ogni tanto sento fastidio al ginocchio ma è normale, visto che ho avuto un grave infortunio ma sto migliorando fisicamente anche il ginocchio sta migliorando.

Domenica ci sarò!”.

LASCIA UN COMMENTO