di Alessandro DE CAROLIS 

In attesa di Inter-Verona di questa sera ore 20:45 questa 11° giornata ha regalato le sue solite emozioni. Iniziata subito forte con l’anticipo delle ore 18 di Sabato con Milan-Juventus. Partita vinta dai bianconeri con un ritrovato Higuain. Il pipita ha siglato una doppietta con due gol uno più bello dell’altro senza lasciare scampo a Donnarumma. Ai rossoneri non è certo mancata la cattiveria agonistica in campo, è mancato piuttosto un bomber per segnare. Kalinic ha sprecato due palle d’oro troppo invitanti, due occasioni che un vero attaccante tipo Higuain non sprecherebbe. La sconfitta quindi ridimensiona non solo Montella e i suoi ragazzi, ma anche l’operato della società sul mercato fatto. Questo Milan ha perso fin’ora contro tutte le altre big. Chiaro allarme per la nuova proprietà cinese. A seguire è toccata alla Roma in casa col Bologna. I giallorossi vincono nuovamente 1-0 con il gol di El Shaarawy nel primo tempo. Roma con la miglior difesa del campionato ma con un attacco sterile se Dzeko non va a segno. Non è un caso che gli ultimi 9 punti sono arrivati con appena 3 reti fatte di cui 2 su calci piazzati. Anche lo spessore degli ultimi avversari non erano certo preponderanti. Di Francesco ha ottenuto il massimo con il minimo sforzo. Nel “lunch match” della domenica la Lazio strapazza il Benevento dopo un ennesimo primo tempo perfetto. La lezione di Bologna evidentemente non è servita e lo stesso Inzaghi a fine partita ha rimarcato la necessità di debellare questi cali di concentrazione nel secondo tempo. Il primo tempo si era concluso con un secco 3-0 grazie alle reti di Bastos, Immobile e Marusic. Nella ripresa dopo appena dieci minuti il Benevento accorcia le distanze e comincia a rendersi troppo pericoloso. Per fortuna la rete di Parolo al 76′ indirizza la partita su binari più tranquilli. La Lazio vince e si coccola anche il ritrovato Nani a segno al 86′ per il 5-1 e assist-man per Parolo. Nelle partite delle 15 il Napoli tiene il passo da scudetto con la vetta solitaria della classifica. Sarri e i suoi ragazzi sembrano crederci davvero quest’anno visto la correzione di marcia rispetto l’anno scorso: ovvero non perdere punti con le squadre più piccole. Un Napoli inarrestabile trascinato alla vittoria dalle reti di Allan, Callejon e Mertens. Tiene un passo vincente per un piazzamento in Europe League la Sampdoria di mister Giampaolo. Un secco 4-1 rifilato al Chievo per alimentare i sogni europei. Ennesima partita ribaltata dopo il vantaggio del Chievo con Cacciatore grazie a Linetty, Zapata e alla prima doppietta di Torreira. I blucerchiati si dimostrano squadra ostica e bella da vedere. Cadono invece quasi a sorpresa Atalanta e Fiorentina. La Dea perde 2-1 alla Dacia Arena contro un Udinese tutto cuore. La squadra di Gasperini non vince in trasferta da maggio. La Viola invece cade sul campo del Crotone senza riuscire a ribaltare il 2-0. Benassi realizza la rete del 2-1 finale ma la squadra di mister Pioli è sembrata senza idee e senza cattiveria. Negli altri risultati vittorie importanti per Torino e Spal: granata che tornano alla vittoria in casa contro il Cagliari mentre i ferraresi vincono di misura sul Genoa con la rete di Antenucci.

LASCIA UN COMMENTO