L’edizione di sabato 13 agosto 2022 del Corriere dello Sport offre un approfondimento su Sergej Milinkovic-Savic e Luis Alberto, di nuovo ai nastri di partenza della nuova Serie A con la maglia della Lazio nonostante le sirene di mercato:




Kezman per Milinkovic tiene contatti con diversi club di Premier. Anche la Juve voleva Milinkovic, ma non sarebbe mai arrivata alle valutazioni di Lotito, peraltro più basse rispetto all’epoca pre-Covid, quando chiedeva 100 milioni. Oggi per 65-70 fatichiamo a credere che potrebbe resistere per il gioiello serbo, per 50-55 direbbe no, anzi neppure aprirebbe una trattativa. Il presidente della Lazio ha ipotizzato il piano B da mettere in campo a settembre. Prolungamento annuale del contratto (portando la scadenza dal 2024 al 2025) con clausola di rescissione per non avere contraccolpi dal punto di vista patrimoniale. Punta sul rapporto con Sergej e il suo attaccamento alla causa biancoceleste. Progetto complicato da realizzare. Kezman non ha mai aperto alla possibilità del rinnovo. In Premier non spendono certe cifre per un centrocampista di 27 anni. Superare senza trasferimento anche questa sessione di mercato, signifi cherebbe avvicinarsi alla scadenza e far scendere ancora il prezzo.

Come l’estate scorsa, Luis Alberto parte in seconda fila. Mago specialista in sparizioni e bizze di ogni tipo. L’arrivo ritardato in ritiro ad Auronzo nell’estate 2021, il certifi – cato medico per giustifi care l’assenza alla ripresa degli allenamenti dopo la tournée in Germania, una decina di giorni fa. Sarri al debutto di Empoli sulla panchina della Lazio, nel campionato scorso, gli preferì Akpa Akpro. Domani, di fronte al Bologna di Mihajlovic, dovrebbe escluderlo a benefi cio di Basic. Il Siviglia, dopo gli abboccamenti di giugno e la proposta al ribasso (14-15 milioni più il cartellino di Oliver Torres), si è ritirato e chissà se ci riproverà a fine agosto.






LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.