di Alessandro DE CAROLIS

Ecco le pagelle di Lazio-Galatasaray, match valido per la sesta ed ultima giornata dei gironi di Europa League. Biancazzurri costretti agli spareggi nei sedicesimi di finale, sperando in un sorteggio clemente con le retrocesse dalla Champions League. Milinkovic e Luis Alberto i peggiori in assoluto.

Strakosha 6: spettatore non pagante della partita, si dimostra utile nelle giocate di piede.

Hysaj 6: vista la pochezza dell’attacco turco aiuta come può in fase offensiva, senza brillare per iniziative degne di nota (dal 63’ Lazzari 6).

Luiz Felipe 6,5: gioca una partita tranquilla ed attenta. Prende un giallo nel primo tempo su una palla persa da Basic, ma si fa notare per un intervento risolutivo nell’area piccola nel secondo tempo.

Acerbi 6.5: nella seconda frazione fa il regista aggiunto, è praticamentw ovunque. Uno dei pochi a crederci e a lottare su ogni pallone.

Marusic 6: buona partita, ma essendo un destro fatica a crossare dal fondo, perdendo un tempo di gioco per passarsu la palla sul suo piede naturale.

Leiva 6: partita sufficiente, seppur poco incisivo, gioca meglio rispetto alle ultime prestazioni (dal 73’ Cataldi 6).

Basic 6.5: il migliore a centrocampo, da rivedere però gli angoli battuti tutti bassi sul primo palo (dal 73’ Luis Alberto 4.5: sbaglia in maniera clamorosa l’unica palla-gol nitida della partita a tempo quasi scaduto. Felipe Anderson gli confeziona un cioccolatino da scartare ma il numero 10 biancazzurro spreca in maniera clamorosa. Una conclusione dal limite dell’area in posizione centralissima che grida vendetta. È il pass mancato agli ottavi di Europa League. Più in generale non “illumina” la gara come sarebbe stato lecito aspettarsi).

Milinkovic 4: sbaglia praticamente tutto. Si salva solo per una sponda fatta ad Immobile nel finale di partita. Sbaglia i controlli, i passaggi e i movimenti. Resta in campo 90’ soltanto perché è squalificato in campionato. A.A.A cercasi il vero Milinkovic.

Pedro 6: giocatore sempre prezioso, magari leggermente opaco rispetto al solito. Ma il suo lo fa sempre. Il suo carisma e la sua esperienza sono essenziali (dal 63’ Felipe Anderson 6).

Immobile 6: non impeccabile sulla palla-gol capitatagli nel finale di primo tempo. Nella ripresa si carica la squadra sulle spalle e fa quel che può, per quel poco che la Lazio crea in avanti. Giocatore troppo prezioso e generoso per gettargli la croce addosso. Senza di lui c’è il vuoto cosmico lì davanti.

Zaccagni 7: decisamente il migliore in campo. Nei 90’ è l’unico a tenere un ritmo alto e costante. Spina nel fianco della difesa turca, tanto da subire una ventina di falli. Imprendibile, salta l’uomo come se fosse un birillo. Sarri ritrova finalmente il miglior Zaccagni, meritalerebbe la maglia da titolare.

Sarri 5.5: partita scialba, con pochissime palle- gol in 90’ (nitide soltanto quella di Luis Alberto). La sua Lazio offre una prestazione deludente, visto il fattore casa (di solito elemento in più) e la possibilità di passare il turno vincendo con un solo gol. Delude molto il Sarrismo di questa sera, dopo l’ottima prova di Marassi. Ora serve un sorteggio clemente per sperare di continuare il cammino in Europa League.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.