CAMPIONATO PRIMAVERA | 10ª GIORNATA 

IL TABELLINO: LAZIO-BENEVENTO 0-1

MARCATORI: 16′ Umile (B)

LAZIO (4-3-1-2): Furlanetto; Floriani (63′ Pollini), Adeagbo, Ruggeri, De Santis; Troise (76′ Castigliani), Ferro, Bertini; Adjaoudi (63′ Schuan), Tare (63′ Marinacci), Crespi (90’+3′ Riosa).

A disp.: Di Fusco, Migliorati, Santovito, Shehu, Campagna, Kane, Di Venanzio.

All.: Alessandro Calori

BENEVENTO (4-2-3-1): Tartaro (46′ Bonagura); Galletti, Veltri, Brocca, Caserta (87′ Sena); Pellegrino (81′ Maiese), Parisi; Umile (59′ Prisco), Aronica, Marsiglia (59′ Malva); Sorrentino.

A disp.: Vottari, Viscardi, Riccio, Pastorella, Rossi, Altamura, Valentino.

All.: Gennaro Scarlato

Arbitro: Kevin Bonacina (sez. Bergamo)

Assistenti: Antonio Lalomia-Santino Spina

Ammoniti: 56′ Troise (L), 83′ Ruggeri (L)

Recupero: 3′ pt, 4′ st

Note: Al 37′ Bertini (L) fallisce un rigore.

Nel post gara del match Lazio-Benevento, il tecnico biancazzurro Alessandro Calori è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio:

“È stata una gara un po’ condizionata dagli episodi. Avevamo in mano la partita, sia per quanto riguarda la costruzione sia per le occasioni create. Purtroppo c’è stato un incidente che può capitare. Abbiamo avuto il calcio di rigore e qualche altra opportunità in cui non siamo stati precisi. In partite come quelle di oggi serve la voglia di andare a prendersele andando oltre la negatività del momento. Ci abbiamo provato, ma siamo stati meno incisivi di altre volte. Peccato, il gol ci ha tagliato le gambe e nel reagire non siamo stati convinti. Non abbiamo avuto la giusta determinazione.

Abbiamo alcuni calciatori reduci dall’influenza; questo mi hanno costretto ad adattare alcuni calciatori, ad esempio a centrocampo. I ragazzi hanno provato a fare del loro meglio, ma sono venute a mancare alcune certezze nell’ultimo periodo. Bisogna stringere i denti in questo momento e ritrovare la consapevolezza. Dobbiamo crescere.

Mercoledì affronteremo la Juventus in Coppa Italia, poi andremo a Cosenza. Proveremo a recuperare qualcuno per rimetterci al lavoro e ritrovare la strada giusta. Coulibaly ha subito uno stiramento, penso che lo riavremo dopo la sosta.

Oggi abbiamo dominato la partita, ma non siamo riusciti a concretizzare. La strada da percorrere è questa, ossia aumentare la consapevolezza, giocare a calcio e vincere attraverso il gioco”.

(Fonte: sslazio.it)

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.