In una partita esaltante dove ha sempre dominato sulla temutissima Serbia, la Nazionale Femminile di volley si laurea Campione d’Europa per la terza volta nella sua storia. A Belgrado le azzurre superano in finale le padrone di casa della Serbia per 3-1: 24-26, 25-22, 25-19, 25-11.

Alla ‘Stark Arena’ di Belgrado davanti a oltre 20.500 spettatori la vittoria delle azzurre ha un sapore ancora più dolce, contando che la finale del campionato europeo si giocava proprio contro quella Serbia che le aveva eliminate alle Olimpiadi di  Tokyo 2020. Le pallavoliste italiane hanno lottato dall’inizio alla fine, soffrendo nel primo set combattuto punto a punto e poi andando in crescendo fino al set conclusivo, dominato.

Esulta il Ct dell’Italvolley femminile Davide Mazzanti: “E’ stata un’estate lunga, in cui abbiamo faticato, ma le ragazze hanno fatto qualcosa di straordinario. E’ stata una fatica incredibile riandare in campo, riuscire a tornare a divertirsi. E’ stato bello vedere le ragazze in queste ultime partite divertirsi ed esprimere quello che era il loro talento. Le ragazze sono state bravissime, è difficile trovare le parole, è stato un periodo tostissimo ma sono contento per loro e per il movimento, ci serviva”.

Non riesco a crederci, sono felicissima, abbiamo giocato un ottimo match”, dice Miriam Sylla, che non riesce a trattenere la gioia per il titolo europeo. “Sapevamo che ogni volta è dura contro la Serbia e ci siamo ricordate della partita alle Olimpiadi – il riferimento allo 0-3 nei quarti di Tokyo – Non avevamo giocato come sapevamo ma abbiamo deciso di venire qui a dimostrare qualcosa e abbiamo dimostrato quello che sappiamo fare. Dopo l’Olimpiade non ci siamo abbattute, abbiamo lavorato duro perché volevamo vincere qualcosa”.

E’ stata una vittoria di squadra, ma su tutte hanno spiccato una fantastica Myriam Sylla, la capitana che ha alzato la coppa, e la solita Paola Egonu, premiata come miglior giocatrice del torneo. Ma davvero, tutte hanno portato il loro contributo stringendo i denti anche quando le serbe sembravano volare sulle ali dell’entusiasmo del rumorosissimo pubblico di casa.

Egonu ha portato 29 punti, Sylla 20, poi ci sono i 13 della Pietrini, gli 8 della Danesi, i 2 della Malinova e uno della Chirichella. Dall’altra parte la temutissima Boskovic è partita in modo travolgente ma ha perso via via lucidità.

Dal 2018 le azzurre contro la Serbia avevano sempre perso nei grandi appuntamenti. Tre anni fa nella finale del Mondiale le azzurre furono argento, nel 2019 vennero eliminate nella semifinale dell’Europeo e alle Olimpiadi di Tokyo l’uscita di scena ai quarti di finale.

La Serbia negli ultimi dieci anni aveva vinto tre volte il titolo continentale: nel 2011 nel torneo che si era svolto in Serbia e in Italia, nel 2017 sui campi di Azerbaigian e Georgia, e nel 2019 in ben quattro Paesi.

(Fonte: Quotidiano.net)

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.