di Fabio BELLI

Difficile spiegare quando le cose vanno male, figurarsi quando si arriva all’autolesionismo. La Lazio fa tutto da sola, subendo due gol grotteschi contro un avversario difficile e coriaceo, ma che conti alla mano ha creato molto meno in fase offensiva. La Champions League pesa sulle gambe di tutte le formazioni, basti vedere i risultati in giro per l’Europa, ma la Lazio dopo l’Udinese spreca un’altra chance enorme e presto il calendario si farà di nuovo più aspro. Difficile trovare contromisure oggi, 0 punti tra Udinese e Verona in casa sembrano comunque una resa, si spera solo momentanea, per le ambizioni più importanti in campionato.

FORMAZIONI – Inzaghi lascia Hoedt e Luiz Felipe in panchina dopo le fatiche di Coppa e rilancia Parolo capitano e difensore al fianco di Acerbi e Radu. Assente Luis Alberto, a centrocampo c’è Akpa Akpro, confermato Marusic a sinistra mentre Caicedo fa coppia con Immobile in attacco. Nel Verona Zaccagni e Barak giocano a sostegno di Salcedo, in difesa out lo squalificato Ceccherini.

DOCCIA GELATA PRIMA DELL’INTERVALLO – La Lazio prova a fare la partita e il Verona è lesto a ripartire, con marcature a uomo studiate da Juric in maniera attenta. La squadra di Inzaghi ha comunque due buone chance, al 13′ con Immobile che incrocia il destro di poco a lato dopo un gran pallone rubato da Caicedo a Barak, quindi al 25′ proprio con Caicedo, che scappa via sulla sinistra e calcia in girata di poco a lato. Al 28′ brutta tegola per la Lazio con l’infortunio di Francesco Acerbi, problema alla coscia sinistra. Entra Hoedt, il Verona inizia ad affacciarsi in avanti e Reina non si fa beffare da un colpo di tacco di Salcedo. Ma proprio al 45′, su una nuova ripartenza scaligera, Faraoni cambia campo per Dimarco che calcia forte e trova la deviazione di Lazzari nella propria porta.

RABBIA FINALE – Nella ripresa la Lazio prova a riorganizzarsi ma la difesa scaligera è molto chiusa. Serve un episodio e lo trova Caicedo all’11’. beffando Dawidowicz nella marcatura e girando splendidamente a rete. Gol di pregevole fattura, anche se il Verona continua a pungere in contropiede, pur non impegnando mai Reina. Dimarco e Salcedo non trovano però di poco la deviazione vincente, poi il patatrac: Radu pressato da Salcedo gira malissimo all’indietro, si inserisce Tameze che salta Reina e deposita in rete l’1-2, nonostante le proteste laziali per l’intervento sul romeno. L’assalto finale non produce frutti: Faraoni salva sul neo entrato Fares, poi Silvestri salva su un gran colpo di testa di Milinkovic-Savic e su una conclusione deviata di Pereira al 96′, addirittura respingendo di piede. E per la Lazio quello dell’Olimpico in campionato inizia a diventare un complesso vero e proprio, rendimento alla mano.

IL TABELLINO

SERIE A

LAZIO-VERONA 1-2

Marcatori: 45′ aut. Lazzari (L), 56′ Caicedo (L), 67′ Tameze (V)

LAZIO (3-5-2): Reina; Parolo, Acerbi (28′ Hoedt), Radu; Lazzari (81′ Fares), Milinkovic, Leiva (64′ Escalante), Akpa Akpro (81′ Pereira), Marusic; Caicedo (64′ Correa), Immobile. A disp.: Strakosha, Alia, Armini, Luiz Felipe, Anderson, Cataldi, Moro. All.: Simone Inzaghi.

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Lovato, Dawidowicz, Magnani; Faraoni, Tameze (69′ Favilli), Miguel Veloso, Dimarco; Barak, Zaccagni (87′ Lazovic); Salcedo (76′ Colley). A disp.: Berardi, Pandur, Gunter, Udogie, Amione, Ruegg, Danzi, Ilic, Di Carmine. All.: Ivan Juric.

Arbitro: Rosario Abisso (sez. di Palermo)

Assistenti: Mondin, Mastrodonato

IV uomo: Manganiello. V.A.R.: Mazzolini. A.V.A.R.: Liberti

NOTE. Recupero: 1′ pt, 5′ st. Ammoniti: 59′ Akpa Akpro (L), 64′ Caicedo (L), 68′ Reina (L), 74′ Salcedo (V), 75′ Marusic (L), 77′ Magnani (V), 87′ Fares (L), 90′ Colley (V)

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.