di Alessandro DE CAROLIS

Ecco le parole del tecnico Simone Inzaghi nella vigilia del debutto europeo stagionale. Parole di rivalsa dopo la pesante e brutta sconfitta di Ferrara.

“Bisogna mantenere equilibrio. Con la squadra abbiamo analizzato ciò che non è andato domenica contro la SPAL. Io per primo, che sono a capo dello staff tecnico, ho capito che dobbiamo assumerci le nostre responsabilità. Abbiamo sbagliato 15 minuti su 270 disputati da inizio stagione, non voglio andare indietro e fare paragoni con la Lazio di due anni fa o con quella dello scorso anno. Molto spesso ricordate che nella scorsa stagione siamo arrivati all’ottavo posto della classifica, spesso vi scordate che abbiamo vinto una Coppa Italia. Dovevamo far bene, ma anche le altre nostre rivali hanno sbagliato in queste prime tre giornate di campionato. Dobbiamo fare in modo che non si verifichino più dei passi falsi e, per questo motivo, abbiamo già analizzato l’incontro di domenica scorsa. 

La formazione di domani? Ho alcuni dubbi che scioglierò domani, sono rimasti a casa Radu, Luis Alberto e Immobile più Marusic che è squalificato. Domani giocherà Strakosha, ma ho molta fiducia in Guerrieri e Proto. Non mi piace fare gerarchie per la competizione europea. Proto giocherà perché è molto affidabile, ma domani toccherà ancora a Strakosha. Radu, Immobile e Luis Alberto abbiamo deciso di lasciarli a casa per svolgere un allenamento diverso che possa consentire a questi calciatori di giocare la gara di domenica con il Parma. 

I miei ragazzi hanno svolto ottimi allenamenti negli ultimi giorni. In questo momento dobbiamo mantenere lucidità e continuare a lavorar bene, sono stati i 25 minuti finali nei quali avremmo dovuto dare di più. La classifica doveva essere diversa dopo i primi tre turni di campionato, per questo motivo dobbiamo continuare a lavorare intensamente. Il nostro girone è molto difficile e tosto, il Cluj ed il Celtic hanno fatto i preliminari di Champions. Il Rennais ha vinto la Supercoppa di Francia, poteva andare meglio il sorteggio. La gara di domani sarà difficile perché i romeni hanno un ottimo allenatore e sono molto fisici, ci servirà una gara intensa perché sul campo ci saranno tanti duelli. 

Luiz Felipe sarà convocato per la gara di domani. Anche Bastos giocherà dall’inizio, così come Strakosha. Non mi aspetto una reazione da Milinkovic. Mi aspettavo di più da tutti, ma non bisogna cercare necessariamente un colpevole. Io sono il primo responsabile di quanto accaduto, poi tutti potevano dare di più affinché fossero differenti gli ultimi 25 minuti di gioco. Lo scorso anno avremmo firmato ad inizio stagione per vincere la Coppa Italia, ma oggi si parla solo dell’ottavo posto raggiunto in campionato. Secondo me stiamo facendo un grande lavoro, grazie alla Società ed ai nostri giocatori. L’asticella però va alzata affinché non si verifichino più i 25 minuti di Ferrara. I quattro punti ottenuti finora non sono sufficienti per quanto abbiamo visto in campo. Non mi sta bene sentire che siamo la miglior squadra della Serie A nonostante la sconfitta. A volte si può essere anche meno belli, ma vincendo. 

Stefan Radu è stato un mio compagno di squadra, abbiamo giocato insieme. Io sono diventato allenatore e negli ultimi tre anni ha sempre fatto bene con me. È molto serio e concentrato, voleva essere a tutti i costi della gara di domani. Io però devo fare delle scelte e non è rientrato tra i convocati, vedremo se giocherà domenica con il Parma. Il romeno è rimasto a Roma per allenarsi. Abbiamo studiato il Cluj ed ha ottimi giocatori: a me piace molto Omrani che è molto forte e sarà un osservato speciale”.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.