di Fabio BELLI

Lazio nuova, in campo a neanche 20 ore di distanza dall’amichevole di Bournemouth: risultato, altri 4 gol incassandone 2, l’andazzo di questa estate è chiarissimo, bisognerà capire se sarà anche quello stagionale. Anche con le seconde linee quando la Lazio attacca è una bellezza, è la difesa che fa acqua anche se alla Benteler Arena gli spazi si aprono solo quando Inzaghi opera la valanga di cambi, subito dopo l’1-3 tedesco. Ma va bene così, 8 gol in meno di 24 ore contro due avversarie di Premier League e Bundesliga sono un conseguimento notevole e a memoria un precampionato con 7 vittorie iniziali di fila è difficile da ricordare.




FORMAZIONI – Il doppio test impone a Inzaghi un turno over massiccio: solo 3 conferme, tutte in difesa con Vavro, Acerbi e Strakosha in porta, torna Bastos titolare, poi Patric e Jony sulla fasce mentre Milinkovic-Savic riprende il suo posto affiancato da Cataldi e André Anderson. In attacco coppia Adekanye-Caicedo.

VALANGA LAZIO – La Lazio inizia un po’ in affanno il match, ma le cose cambiano dopo il vantaggio al 19′ di Caicedo, che si avventa per il tap-in vincente su una respinta di Huth su conclusione di Patric, a suo agio da esterno destro. Al 33′ una punizione a due in area per un retropassaggio dei tedeschi vale la bordata del raddoppio di Cataldi, poi prima dell’intervallo Jans anticipa Adekanye di testa e infila la propria porta dal limite dell’area, con Huth in uscita sin troppo temeraria. Autogol e 0-3 all’intervallo.




SOLITO FLIPPER – Davvero niente male, nella ripresa la Lazio continua buon ritmo ma la solita amnesia difensiva permette al Paderborn di rifarsi sotto al 23′ con Antwi-Adjei. Inzaghi butta dentro quasi tutta la panchina ma dietro la squadra sbanda, con la situazione peggiorata da un Parolo insolito centrale. Si rivede al 36′ anche Valon Berisha, ma al 43′ Souza vince un rimpallo in area con Parolo e scaglia sotto l’incrocio il 2-3. Palla al centro, la Lazio affonda con Lazzari e il pallone finisce a Lulic che in diagonale mette la parola fine al match. Come detto ieri non manca il divertimento, sembra una Lazio tornata a cercare il gol in più piuttosto che quello in meno: quando arriveranno le partite che contano scopriremo se sarà un bene o un male.




IL TABELLINO

AMICHEVOLE

PADERBORN-LAZIO 2-4

Marcatori: 19′ Caicedo (L), 33′ Cataldi (L), 41′ aut. Jans (P), 68′ Antwi-Adjei (P), 88′ Souza (P), 89′ Lulic (L)

PADERBORN 07 (4-4-2): Huth; Jans (85′ Dörfler), Hünemeier (85′ Rumpf), Strohdiek (59′ Kilian), Holtmann (59′ Schwede); Pröger (46′ Souza), Vasiliadis (85′ Bilogrevic), Gjasula (59′ Kapic), Antwi-Adjei (71′ Hilbner); Shelton (71′ Ritter), Mamba (46′ Zolinski). A disp.: Ratajczak, Brüggemeier. All.: Steffen Baumgart.

LAZIO (3-5-2): Strakosha (69′ Guerrieri); Vavro (69′ Lazzari), Acerbi (69′ Parolo), Bastos (69′ Radu); Patric, Milinkovic-Savic (81′ Berisha), Cataldi (69′ Badelj), Andrè Anderson (69′ Luis Alberto), Jony (69′ Lulic); Adekanye (69′ Correa), Caicedo (69′ Immobile). A disp.: Alia, Wallace. All.: Simone Inzaghi.

Arbitro: Sven Watsdritzki.

Ass.: Hüwe-Holz.

NOTE. Ammonito: 39′ André Anderson (L)






LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.