di Fabio BELLI

Dopo due amichevoli di rodaggio contro i dilettanti locali, la Lazio diverte un pubblico numeroso allo Zandegiacomo di Auronzo di Cadore. E alla terza prova stagionale è già tanto vedere l’intesa tra i quattro tenori, Correa, Milinkovic-Savic, Immobile e Luis Alberto, ai quali si è aggiunta una pedina di spessore come Lazzari. La Triestina che l’anno scorso aveva sfiorato la B è già un test più serio e ha dato indicazioni positive, a voler ben vedere solo qualche svolazzo difensivo, rimasto nel DNA di questa squadra, è da correggere.




FORMAZIONI – Simone Inzaghi rispolvera la Lazio fantasia con Luis Alberto, Milinkovic-Savic, Immobile e Correa in campo contemporaneamente. Parolo parte in panchina, il vice-Leiva, infortunato, è Cataldi e non Badelj. Prove di difesa titolare con Vavro al fianco di Acerbi e Radu.

E’ LAZIO SHOW – Primo tempo con la formula fantasia che si dimostra straordinariamente efficace in fase offensiva. E’ una Lazio d’attacco che la sblocca all’8′ con Immobile che irrompe di testa su un perfetto cross di Lulic. Al 12′ è subito raddoppio, fallo di Formiconi su Correa e lo stesso argentino trasforma dal dischetto. E’ una Lazio che diverte negli scambi stretti e con i cross di Lazzari che martellano la fascia destra. Su uno di essi al 28′ nasce il gol si Sergej Milinkovic-Savic, anche lui imperioso di testa. Nel finale rischia un po’ difensivamente la Lazio, ma al 43′ è Immobile a mancare il poker con un gran destro da fuori area che si stampa sul palo a Offredi battuto.




DOPPIO CAICEDO – Lazio convincente ma che come detto qualcosa concede in difesa, e in apertura di ripresa la Triestina trova il gol a freddo con Codromaz, che sfrutta una difesa laziale un po’ ferma. Subito dopo però la Lazio si dimostra implacabile di testa e al 4′ uno scatenato Lazzari trova l’ennesimo cross per Caicedo che sigla il gol che vale il poker. La Lazio ha iniziato la ripresa con molti cambi, questa la formazione schierata da Inzaghi a inizio secondo tempo: Guerrieri, Vavro, Acerbi, Patric; Lazzari, Parolo, Badelj, Andrè Anderson, Jony; Caicedo, Adekanye. Proprio Adekanye subito dopo il gol dell’ecuadoriano si inserisce bene ma manca una facile occasione, riesce però a rifarsi al 22′, puntando Lambrughi e dettando i tempi del passaggio per Caicedo che realizza la doppietta personale e il 5-1. Si chiude in scioltezza anche se al 41′ la Triestina accorcia ancora con Marzola che sfrutta una sponda di Mensah, ma questa Lazio già piace e a fine luglio non è cosa da poco.




IL TABELLINO

AMICHEVOLE

LAZIO-TRIESTINA 5-2

Marcatori: 8′ Immobile (L), 13′ rig. Correa (L), 29′ Milinkovic-Savic (L), 46′ Codromaz (T), 50′ Caicedo (L), 41’st Marzola (T)

LAZIO (3-5-2): Guerrieri (57′ Adamonis); Vavro, Acerbi, Radu (46′ Patric); Lazzari (67′ Jorge Silva), Milinkovic (46′ Parolo), Cataldi (46′ Badelj), Luis Alberto (46′ A. Anderson), Lulic (46′ Jony); Correa (46′ Adekanye), Immobile (46′ Caicedo). All.: Simone Inzaghi.

TRIESTINA (4-4-2): Offredi; Formiconi, Malomo, Lambrughi, Frascatore; Mensah, Coletti, Maracchi, Beccaro; Costantino, Granoche. A disp.: Rossi, De Luca, Steffè, Marzola, Ermacora, Procaccio, Gubellini, Salata, Vicaroni, Scrulli, Loschiavo, Giorico, Codromaz. All.: Massimo Pavanel.

Arbitro: Dario Duzel (sez. di Castelfranco)

Assistenti: Jacopo Cioffredi, Antonio Codemo






LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.