di Gian Luca MIGNOGNA
Quella del 1971 per la Lazio fu un’estate davvero molto calda. Dopo l’amarissima retrocessione, l’interruzione dei rapporti tra il club biancazzurro ed il tecnico argentino Juan Carlos Lorenzo fu la logica conseguenza dei pessimi risultati conseguiti sul campo. Una prima magra consolazione venne dalla vittoria del “Campionato De Martino”, torneo all’epoca riservato ai giocatori meno impiegati in prima squadra ed ai giovani emergenti. L’obbiettivo primario per il Presidente Umberto Lenzini, tuttavia, era quello di mettere su una rosa ed guida tecnica in grado di ritornare subito in Serie A.




L’ambiente ribolliva di rabbia, come forse mai era accaduto prima di allora. In piú bisognava fare i conti con i malumori di Giorgio Chinaglia, per nulla attratto dall’idea di doversi cimentare nella categoria cadetta. In attesa di poter annunciare l’ingaggio di Tommaso Maestrelli, frattanto, la panchina biancazzurra venne affidata alla sapiente lazialitá di Bob Lovati. Fu cosí che toccó proprio a quest’ultimo l’onere e l’onore di guidare la spedizione laziale nella Coppa delle Alpi.




La Coppa delle Alpi era una prestigiosa competizione organizzata dalla FIGC e dalla ASF, che si svolse con diverse formule tra il 1960 e il 1987. Quella disputatasi nel 1971 è stata l’undicesima edizione del torneo, cui presero parte solamente le squadre del campionato italiano e svizzero (in altre edizioni parteciparono anche le francesi, le tedesche e le belghe). Ad aggiudicarsela fu proprio la Lazio di Bob Lovati, che dopo aver avuto la meglio sulle proprie avversarie del girone e sulle altre italiane impegnate nella coppa, sconfisse in finale puranche il Basilea a sua volta vincente del proprio raggruppamento e primatista dei club elvetici. Per la Lazio fu l’inizio della riscossa, cui in primis fece seguito l’immediato ritorno in Serie A e poi l’inizio dell’epopea della Banda Maestrelli nelle stagioni successive.




TABELLINO
25 Giugno 1971: Finale Coppa delle Alpi
Basilea Stadio Saint Jacob
Basilea-Lazio 1-3
Marcatori: 20′ Manservisi, 40′ Wenger, 76′ Chinaglia, 85′ Chinaglia (R)
BASILEA: Laufenburger, Kiefer, Mundschin, Ramseier, Siegenthaler, Sundermann, Balmer, Odermatt, Riner, Reisch (46′ Rahmen), Wenger. Allenatore: Benthaus
LAZIO: Di Vincenzo, Facco, Legnaro, Governato, Polentes, Marchesi, Manservisi, F. Mazzola (89′ Chinellato), Chinaglia, Fava (46′ Massa), Fortunato. Allenatore: Lovati
Arbitro: Weyland (Germania Ovest)



LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.