di Alessandro DE CAROLIS

La Serie A si infiamma con i suoi goleador inaspettati capaci di infiammare la classifica marcatori. CR7 ora deve guardarsi da gente come Zapata e Quagliarella a quota 14 gol come il portoghese. Il primo è sbocciato sotto la cura Gasperini dopo un inizio di stagione non proprio esaltante come numeri e rendimento. Il secondo ha scoperto una nuova giovinezza con numeri da record mai raggiunti dal telento blucerchiato. A segno in 10 partite consecutive ora punta al record di Battistuta con 11 partite. Un Quagliarella così dovrà far riflettere molto il ct azzurro Mancini in ottima Europei. Arrivati a metà campionato alcune situazioni sono già delineate, altre ancora aperte. Il Napoli è bello da vedere ma ancora non è da scudetto, ma è grazie ai partenopei se lo scudetto non sia stato assegnato già a Natale. L ottavo scudetto consecutivo dei bianconeri è solo questione di pochi mesi. L’Inter vive nel limbo del podio, fuori dalla portata delle prime due ma anche al sicuro dalla corsa al quarto posto. Quarto posto ambito invece da ben tre squadre che nel corso delle ultime settimane accendono la lotta Champions con una serie si sorpassi e contro-sorpassi. I biancazzurri non hanno approfittato delle assenze pesanti in casa Napoli per vincere finalmente un “big match”. Le scelte iniziali e in corso di mister Inzaghi danno di certo da pensare oltre al rendimento specifico di alcuni giocatori. Alcuni di essi si sono come involuti rispetto alla gloriosa stagione passata. Quel che è certo è che il Tucu Correa non può stare in panchina, è l’arma in più della Lazio. L’unico capace di saltare l uomo e di dare vivacità al gioco. Luis Alberto e Milinkovic stanno dando segnali di rinascita, ma manca quella continuità e brillantezza che ora Correa sta dimostrando. Ci vuole il coraggio di cambiare o osare in qualcosa di nuovo. Vittorie essenziale per Roma e Milan ai danni di Torino e Genoa. Due vittoria sofferte, con i giallorossi aiutati dal loro migliore amico Giacomelli. I rossoneri invece hanno impiegato non poche energie per avere la meglio sulla squadra di Prandelli. Se il risultato è finito 2-0 è grazie a un ritrovato Donnarumma capace di blindare la porta in più occasioni. Nelle altre partite del week end ci sono state diverse emozioni. Il Sassuolo ha sfiorato l’ennesima impresa contro l’Inter confermandosi sua bestia nera. Anche qui migliore in campo il portiere: Handanovic. L’Atalanta vince senza pietà sul Frosinone in una partita a senso unico per tutti i 90′. Spettacolo ed emozioni al Franchi col pareggio rocambolesco tra Fiorentina e Sampdoria per 3 a 3. L 1 a 1 tra Spal e Bologna consegna un punto d’oro in chiave salvezza a entrambe le formazioni. Il vivace e ricco mercato invernale del Bologna con innesti del calibro di Soriano e Sansone stanno dando quel qualcosa in più a Pippo Inzaghi per raggiungere la salvezza. Altro pareggio di bassa classifica tra Cagliari ed Empoli in un 2 a 2 che non lascia scontento nessuno. Ritorna alla vittoria il Parma alla Dacia Arena con i suoi uomini chiave Gervinho e Inglese. Chiudi i conti nel posticipo serale del lunedì la Juventus con un 3-0 al Chievo. Allegri riscopre giocatori fin qui poco utilizzati come Can, Rugani e Douglas Costa a conferma della qualità dell’intera rosa bianconera. Nel prossimo turno di campionato avvincente saranno le sfide per la corsa Champions. Lazio-Juventus, Atalanta-Roma e Milan-Napoli saranno le tre sfide chiave della ventunesima giornata.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.