di Alessandro DE CAROLIS

Nella conferenza stampa della vigilia Simone Inzaghi parla della trasferta bolognese e dell’avversario a lui molto noto. Dopo essersi sfidati da giocatori e da allenatori nelle Giovanili è arrivata anche la prima sfida da allenatori in Serie A. Ecco le parole del tecnico piacentino riguardo la gara di domani.

“La gara di domani per me sarà particolare perché sarà emozionante sfidare mio fratello. È già accaduto di affrontarci come allenatori e come calciatori, duellare nella massima serie sarà una realizzazione. Sarà molto emozionante per me e per Filippo, ma soprattutto per i nostri genitori. Siamo più grandi oggi, prima eravamo calciatori e Trapattoni ci fece giocare insieme come anche Dino Zoff: abbiamo coronato il sogno di giocare in Serie A ed in Nazionale. Sarà emozionante essere al suo fianco, ci attende comunque una grande gara ed abbiamo preparato l’incontro nel migliore dei modi”. 

“In questi giorni abbiamo parlato poco di calcio, ma ci siamo sentiti. Tutta la nostra famiglia sarà allo stadio, ma ognuno di noi dovrà pensare al meglio della propria squadra. Il Bologna è organizzato e compatto, è in corsa per la salvezza e sono sicuro che mio fratello riuscirà a portare la formazione felsinea alla permanenza in A. Io e Filippo abbiamo ancora dei dubbi di formazione, io ho a disposizione tante scelte. Si è parlato molto del nostro modulo, ma contano le interpretazioni dei singoli. Ora posso scegliere tra i miei uomini e valuterò al meglio le mie pedine e penserò al miglior undici per la gara di domani per affrontare una squadra che ci concederà pochi spazi. Dovremo esprimerci al meglio. Il futuro di mio fratello non sarà determinato dalla gara di domani, perché lui porterà i rossoblù alla salvezza: ha solo un punto di ritardo sulle altre dirette concorrenti e riuscirà nel suo intento a prescindere dal risultato della gara di domani”. 

“Lucas Leiva è tornato contro il Cagliari e si è allenato bene, ha buone possibilità di giocare come altri calciatori. Con il rientro del brasiliano abbiamo una pedina in più che sarà fondamentale per il nostro scacchiere. Dopo il risveglio muscolare di domani sceglierò la formazione da schierare sapendo che dovremo svolgere una grande gara e sapendo che torneremo in campo tre giorni dopo. Per Natale vorrei che tutti riuscissimo a dare di più a questa Lazio, insieme possiamo ottenere grandi cose. Abbiamo vinto un trofeo lo scorso anno ed abbiamo vissuto grandi emozioni negli ultimi due anni, ora il campionato è molto competitivo e sappiamo che ogni domenica ci sono delle insidie. Dando qualcosa di più e con il sostegno incondizionato dei nostri tifosi sappiamo che possiamo toglierci tante soddisfazioni. Per il match di domani saranno tutti a disposizione, solo Durmisi e Berisha non saranno convocati a causa di un piccolo problema: proveremo a recuperarli per la gara con il Torino di sabato prossimo. Luis Alberto si è allenato regolarmente e sarà sicuramente della partita, Milinkovic ed Immobile sono scesi in campo solo oggi e dovrò valutarli sapendo che ho anche altre opzioni: loro sono molto importanti per noi e li monitorerò”. 

“Una squadra ambiziosa deve guardare sempre al prossimo avversario: la classifica è molto corta, l’Inter ha avuto un rallentamento nell’ultimo turno e non c’è tempo per osservare le altre squadre. Dobbiamo guardare avanti e giocare sempre con le motivazioni al massimo perché la Lazio può giocarsela con tutti. Sarebbe bello giocare tutte alla stessa ora, ma non è possibile: questo non deve essere un problema per noi, ognuno deve guardare in casa propria”.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.