di Alessandro DE CAROLIS

Ecco le pagelle di Lazio-Inter, match valido per la decima giornata di Serie A Tim. Una sconfitta pesante per la squadra di mister Inzaghi. Pochi, pochissimi si salvano. Correa subentra bene confermando di meritare più spazio. Marusic e Lulic tengono bene le ali.

Strakosha 5: incolpevole sui tre gol nerazzurri. Per il resto qualche sbavatura nei rilanci. Non una serata ideale per fare la differenza.

Luiz Felipe 4.5: il giovane brasiliano è apparso poco lucido ma anche molto sfortunato come in occasione del primo gol. Da rivedere insieme ai suoi compagni di reparto.

Acerbi 4.5: inizia bene chiudendo gli attacchi nerazzurri. Poi anche lui come tutta la Lazio va in crisi e la difesa ne risente. La mancanza di filtro da parte del centrocampo non ha certo aiutato il reparto difensivo.

Radu 4.5: prende un giallo, ci mette la grinta ma quest’oggi la difesa ha fatto troppa acqua da tutte le parti (dal 77’st Bastos s.v)

Marusic 5.5: uno dei migliori nella Lazio. Il gol contro il Marsiglia sembra averlo rigenerato. Si propone bene correndo su tutta la fascia destra. Finalmente salta l’avversario per creare la superiorità. Anche lui però soffre il rendimento sotto le aspettative dei suoi compagni.

Parolo 5: sfiora il vantaggio nei primi minuti non arrivando per poco a un tap-in sulla destra. Bene con gli inserimenti ma a centrocampo manca un po’ di filtro. Nei 90’ il centrocampo nerazzurro ha sovrastato quello biancazzurro. Il suo solito lavoro sporco è mancato e in partite del genere ne si capisce l’importanza.

Badeji s.v: parte con qualche imprecisione nei passaggi, ma la sua prestazione sale col passare dei minuti sradicando palloni. Non era al top e infatti chiede il cambio (dal 34’st Cataldi 5.5: entra quasi a freddo e entra gradualmente in partita. Si fa vedere al 46’ con un’ottima punizione a impegnare seriamente Handanovic. Per il resto cerca di fare il regista come può in una partita mal interpretata da tutta la squadra. Anche lui meriterebbe più spazio)

Lulic 5.5: non una delle sue serate migliori. Perde molte volte il pallone e non riesce quasi mai a saltare il diretto avversario. Una prima frazione al di sotto delle sue possibilità. Nella ripresa ci mette più impegno come suo solito, ma non riesce comunque a fare la differenza. I palloni persi sono più per la mancanza di compagni liberi. Anche oggi rimane uno dei migliori.

Milinkovic 4.5: bello spunto al 11’ per servire Lulic in profondità. Una giocata tipico del vero Sergej. Al 16’ verticalizza di prima per Immobile mandando verso la porta nerazzurra. Un’altra giocata importante e di qualità a dimostrazione di un risveglio concreto. Al 81’ un suo tiro diventa un assist a Immobile. Una partita leggermente migliore di questo inizio di stagione. Qualche sprazzo di belle giocate ma rimane ancora troppo in ombra non facendo la differenza come solo lui sa fare.

Caicedo 5: lotta su ogni pallone e si muove sull’intero fronte offensivo. L’intesa con Immobile è buona ma oggi un pò meno. Sparisce dal gioco quando la Lazio si scioglie come neve al sole. Insufficienza non per colpe sue quest’oggi. (dal 68’st Correa 6: entra e da imprevedibilità, fattore assente totalmente in questa partita. Dopo pochi minuti impegna subito Handanovic dopo una bella azione ubriacante. Merita più spazio negli undici titolari. Oggi è il vero rimpianto di Inzaghi per quanto fatto in campo. Ottimo giocatore)

Immobile 5: al 14’ entra in area dalla sinistra e mette in mezzo una palla molto insidiosa per Caicedo deviata in calcio d’angolo. Occasionissima al 14’ quando viene lanciato verso Handanovic ma rimontato in extremis da Miranda. Buona iniziativa al 46’ sulla sinistra conquistando un interessante calcio di punizione. Spreca un’ottima occasione non da lui al 81’ sparando addosso ad Handanovic. Spreca nel totale un’occasione per tempo. Molto nervoso con l’arbitro tanto da prendere un giallo per proteste.

 

All. Inzaghi 4.5: altro scontro diretto perso contro una “big”. Una Lazio sulle gambe e con poche idee. Il modulo a due punte questa volta non da una svolta. Qualche rimpianto vedendo questo Correa partire dalla panchina. Il Tucu al momento sembra l’unico in grado di dare quel salto di qualità in attacco.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.