Felipe Caicedo, attaccante della Lazio, è intervenuto ai microfoni del canale televisivo ufficiale del club biancazzurro dopo un periodo in cui ha saputo riguadagnare fiducia nelle gerarchie di Simone Inzaghi.




“In Europa League siamo stati inseriti all’interno di un girone complicato nel quale sono presenti tre squadre molto forti. Noi siamo la Lazio e dovremo dare il massimo per qualificarci alla fase ad eliminazione diretta. Finora abbiamo sbagliato una partita, ma siamo sulla strada giusta: ci attendono ancora quattro gare e dovremo esprimerci al meglio delle nostre possibilità. L’Eintracht Francoforte ha dimostrato d’essere una squadra molto disciplinata e particolarmente fisica, caratteristiche che la rendono una vera squadra tedesca. Nella compagine tedesca corrono tutti allo stesso modo ed ogni interprete contribuisce alla causa ed, inoltre, sono molto forti sulle palle inattive. Noi, d’altro canto, dobbiamo concentrarci sul Marsiglia che è il nostro prossimo avversario: dovremo batterli a tutti i costi.”




“I francesi vantano qualità ed esperienza, ma secondo me la gara con il Francoforte risulterà più difficile rispetto a quella con il Marsiglia. Gli uomini hanno buona qualità, ma contro di loro sappiamo di poter mettere in campo al meglio il nostro gioco. In Europa League ogni squadra può metterti in difficoltà, fa parte delle prerogative della competizione. In casa dell’Apollon Limassol, invece, saranno proprio i ciprioti che proveranno a fare la partita, noi dovremo pensare solo alla nostra prestazione: gli uomini di Augoustī hanno messo in difficoltà anche il Marsiglia e, per questo, dovremo essere molto attenti quando andremo a giocare a Nicosia.”




“È molto importante essere acclamati dalla propria gente: giocare con la fiducia dei propri tifosi è un aspetto fondamentale per un calciatore. Ho sempre sentito il sostegno della gente laziale e dei miei compagni, ora devo continuare su questa strada e dare ancora qualcosa di più. Mi sto trovando bene, ma la strada è lunga e ci aspettano tante gare da giocare nelle quali dovrò esprimermi ad alti livelli. La rosa quest’anno è più profonda: ci sono tanti calciatori che possono contribuire a partita in corso. Il tecnico in questo modo ha più difficoltà a scegliere l’undici iniziale perché ci sono tanti giocatori che dimostrano gran voglia di scendere in campo, ma questo è il bello del calcio; coloro che trovano meno spazio devono sempre farsi trovare pronti perché il mister chiama sempre in causa l’intera rosa a disposizione.”




“La Serie A TIM, secondo me, è divenuta una competizione sempre più equilibrata. La Juventus è la migliore della classe, ma alle spalle della formazione bianconera ci sono quattro o cinque squadre di pari livello che hanno svolto un mercato interessante durante l’ultima estate e, per questo motivo, nel torneo si è alzato anche il livello della competitività. Ci sono tante squadre forti in Europa League, come ad esempio Arsenal e Chelsea: dobbiamo continuare a lavorare ed a credere nelle nostre possibilità perché abbiamo dimostrato di essere una squadra forte. Nella passata stagione siamo arrivati ad un buon punto nella competizione europea e possiamo ripeterci”.

(fonte: sslazio.it)






LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.