di Giorgio BICOCCHI

La Lazio Pallanuoto ha perso, ma con tantissimo orgoglio e restando in piedi fino alla fine. È finita 17 a 13 al Foro Italico, con i biancazzurri mai domi, avanti prima per tre a uno, poi aggrappati ai fenomeni lombardi fino al cinque a cinque.

Una’unica macchia in questo bel pomeriggio, pieno di auspici futuri: l’espulsione per condotta antisportiva di Cannella, nel secondo quarto. Davanti ad una squadra che gioca a memoria la Lazio non si è mai arresa, è stata molto fluida in attacco dove ha realizzato un bel cinque su nove in superiorità numerica. Poi si è aggiudicata la terza frazione, restando sempre viva, trascinata dalla tripletta di Leporale e dalle doppiette di Cannella, Colosimo, Vitale e Giorgi.

La Lazio, con grande temperamento, era risalita fino all’undici a dodici, prima di incassare l’ultimo, grande strappo della Bpm. Nella quarta frazione, con i lombardi padroni della sfida, c’è stato solo il tempo per registrare a referto i due gol di Giorgi. Applausi convinti per i biancazzurri, sempre più una bella realtà del Campionato. Così, fino alla fine, sempre settimi in classifica in Serie A1, sarà emozionante vivere il viaggio dei nostri ragazzi…

(Fonte: sslazio.org)

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.