di Alessandro DE CAROLIS 

Ecco le pagelle di Inter-Lazio, posticipo delle ore 18:00 valido per la 19° giornata di Serie A. Sugli scudi Strakosha e la prestazione convincente di Felipe Anderson. Bene anche Lukaku e Leiva. Nani ritorno importante.




Strakosha 7: al 29’ salva un gol fatto su un tap-in ravvicinato di Perisic. Parata di riflesso ad alzare la palla sopra la traversa. Si ripete al 56’ con una paratona sulla botta di B. Valero a fil di palo.

Bastos 6: al 20’ vicino al gol con un colpo di testa ravvicinato sul cross di Leiva. Occasionissima per il numero 15 biancoazzurro. Da rivedere nella fase offensiva con qualche disattenzione su Perisic.

De Vrij 6.5: anche questa sera dimostra di essere il più affidabile dei tre centrali pur avendo un cliente difficile come Icardi.

Radu 6: avvio un pò timido di Stefan nei primi minuti. Soffre parecchio il suo ex compagno Candreva, non è sicuro e preciso come al solito. Cresce però col passare dei minuti fino a tornare sui soliti livelli.




Marusic 6.5: buona partita per il montenegrino. Spinge e lotta sulla destra in una partita non facile con Perisic. Dimostra di potersela giocare con Basta.

Parolo 6.5: tanta sostanza come sempre per lo stacanovista biancoceleste. Più attento nella fase difensiva, si fa vedere poco nei suoi soliti inserimenti. Nei primi minuti di testa toglie di testa una palla insidiosa destinata ad Icardi

Leiva 6.5: sin dai primi minuti dimostra di essere in condizione perfetta con degli interventi a centrocampo da vero leader. In fase di interdizione è un fuoriclasse. Non disdegna la fase offensiva con una conclusione murata dalla difesa nerazzurra.




Lulic 6: molto attivo sulla sinistra, spinge bene per andare sul fondo. Soffre un po’ Cancelo e Candreva insieme a Radu. Cala fisicamente dopo un fallo subito da Vecino. Esce infatti a inizio ripresa (dal 58’st Lukaku 6.5: sulla sinistra da quella spinta in più per creare pericoli. Le sue accelerazioni creano sempre scompiglio)

Milinkovic 6.5: una botta a impegnare Handanovic al 19’ dalla trequarti. Sergej fatica quest’oggi ma la sua fisicità in mezzo al campo è una garanzia (dal 83’ Nani 6: entra e dimostra con qualche giocata di fino)

Luis Alberto 6: lo spagnolo appare sottotono quest’oggi, ma è un giocatore troppo essenziale nello scacchiere di Inzaghi. È uno di quei giocatori che si accende all’improvviso e cambia la partita. Nel finale di primo tempo un suo calcio d’angolo viene deviato sulla parte alta della traversa da B. Valero. Nella ripresa cala vistosamente (dal 65’st Anderson 6.5: Felipe entra e la Lazio brilla di più. Al 70’ salta tutti e tira di potenza sul secondo palo con Handanovic a negargli il gol. Il brasiliano è imprendibile per i neroazzurri ed è la spina nel fianco della difesa)




Immobile 6: Ciro poco servito quest’oggi ma sempre sul pezzo lì davanti. Ha una buona occasione al 17’ in contropiede ma viene chiuso all’ultimo istante. Si procura nella ripresa un rigore negato dal VAR. Al 79’ serve un assist d’oro per Felipe che da due passi sbaglia il tap-in trovandosi il pallone troppo sotto.




All. Inzaghi 6.5: una partita non facile quest’oggi, Simone l’aveva detto. Una Lazio non brillante come al solito porta a casa un punto e fallisce l’aggancio alla Roma. Inzaghi ci teneva a vincerla e i campi ultra offensivi di Lukaku-Anderson-Nani ne sono la prova. I suoi ragazzi hanno fatto meglio nella seconda parte della ripresa creando tanto ma senza riuscire a sbloccarla. Con 37 punti e una partita da recuperare i numeri sono dalla parte di questo straordinario tecnico.



LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.