Silvano Martina è intervenuto sugli 88.100 di Elle Radio nella trasmissione Laziali On Air, condotta da Danilo Galdino e Fabio Belli:




Cosa le piace di più della Lazio di Inzaghi?E’ una squadra che sa giocare sull’avversario adattandosi partita dopo partita. Ma non è una sorpresa, Inzaghi da tempo tira fuori il massimo da questa squadra.

Su Thomas Strakosha:E’ un portiere poco spettacolare ma estremamente efficace. Grandissimi complimenti a Tare perché è stato una grandissima sorpresa e al momento è uno di quelli che sta facendo meglio in assoluto nella Lazio.




I migliori portieri del campionato?Sicuramente Strakosha, poi anche Alisson sta facendo molto bene nella Roma ma si conosceva già per la sua esperienza nella Nazionale brasiliana, Strakosha è invece partito da zero e secondo me è il portiere rivelazione di tutto il campionato italiano.

Su Immobile: “Sta facendo una stagione eccezionale, in Italia ha sempre dimostrato al massimo il suo valore, i gol li ha sempre fatti. L’unica pecca della sua carriera è stata l’esperienza all’estero ma è un ragazzo molto serio e concentrato, al di là delle prestazioni offensive ha dimostrato di essere un leader di questa Lazio.




Quanto può valere un giocatore come Milinkovic-Savic, oggi?La valutazione la fa il mercato, se squadre come la Juventus o il Real Madrid possono interessarsi, la valutazione sarebbe molto alta. Credo però che la Lazio per crescere nei risultati debba tenere a tutti i costi un giocatore di questo livello.

Lunedì che Torino troverà la Lazio all’Olimpico?Una squadra tosta, difficile da battere. Il problema del Torino è che ha fatto una buona campagna acquisti ma si è trovato a pagare qualche episodio che ha fatto pendere l’ago della bilancia nei confronti delle grandi affrontate. Forse le aspettative iniziali sui granata erano eccessive, la squadra di Mihajlovic sta facendo il campionato che doveva fare ed è comunque un osso duro per tutti gli avversari.




Che idea si è fatto per la corsa ai primi posti in Serie A?Va elogiato innanzitutto il lavoro di Spalletti all’Inter, il tecnico sta sfruttando il vantaggio di non giocare le Coppe così come aveva fatto la prima Juventus di Conte, i bianconeri allo scontro diretto di sabato arriveranno più stressati dall’impegno di Champions. Certo le Coppe portano vantaggi economici e di prestigio importanti, ma a livello di stress tolgono inevitabilmente qualcosa. La Juventus dopo sei Scudetti e tre Coppe Italia consecutive ha perso forse un pizzico di cattiveria, ma nonostante qualche passaggio a vuoto per me resta la squadra più forte.

Lo scontro diretto all’Allianz Stadium sabato sarà decisivo?E’ presto per i verdetti definitivi, chi dovesse perdere avrà tempo per recuperare. Soprattutto per l’Inter, fare risultato potrebbe essere fondamentale per l’autostima.




Il Milan è la grande delusione di questo campionato?Prima o poi il Benevento un punto doveva farlo, il Milan paga il primo anno del nuovo ciclo, non è facile mettere insieme undici giocatori per la prima volta, col senno di poi magari gli investimenti andavano concentrati su due-tre grandi top player e non su un numero di acquisti così elevato.






LASCIA UN COMMENTO