di Alessandro DE CAROLIS

Dopo la deludente sconfitta casalinga contro il Milan, la squadra di mister Bonatti vola a Bergamo in cerca di punti pesanti contro un’ostica Atalanta. Nel primo tempo la partita inizia con una fase di studio reciproco.




Al 10′ il primo brivido è per la difesa della Lazio sugli sviluppi di un calcio piazzato: Colpani serve Bolis che calcia senza trovare lo specchio della porta. Al 12′ rispondono i biancazzurri con la conclusione del centrocampista Aliaj deviata in maniera decisiva da un difensore. Azione nata dall’ottima iniziativa di Bari che, con un passaggio all’indietro, premia l’inserimento del suo compagno. Lazio vicina al gol. I padroni di casa ci riprovano al 17′ sempre su calcio piazzato, questa volta da calcio d’angolo, con l’incornata di Elia di poco fuori. Al 22′ Melegoni prova a sorprendere Rus con un calcio di punizione, ma l’estremo difensore è lesto nel parare deviando in corner. Fase di gioco molto confusa per entrambe le formazioni, dalla panchina degli ospiti mister Bollini si fa sentire con i suoi, in particolar modo con Al Hassan che, secondo il tecnico biancazzurro, non terrebbe palla per consentire ai suoi compagni di salire.




Al 39′ pericolo per l’Atalanta col tiro di Rezzi che esce per questione di centimetri. La beffa arriva però al 40′ con il gol della Dea. Percussione sulla destra di Elia, imprendibile per Rezzi, con assist per Barrow a tu per tu con Rus. Palla in rete e 1-0 per l’Atalanta. Finisce così un primo tempo amaro per i biancazzurri con uno svantaggio ingiusto e immeritato. Nei primi minuti della ripresa si percepisce la pesantezza del gol subito sulle gambe e sulla testa dei giovani aquilotti. Al 47′ c’è subito un pericolo dalle parti di Rus, ma alla fine l’estremo difensore blocca tutto. Il raddoppio dell’Atalanta arriva grazie a Colpani. Altro contropiede micidiale dei padroni di casa con Melegoni lesto nel rubar palla a Spizzichino e a lanciare Barrow. Suo l’assist per la conclusione di Colpani che va a siglare il 2-0.




Partita in salita per Bonatti e i suoi ragazzi, che diventa una “mission impossible” al 58′ con il 3-0 di Melegoni. Secondo assist per Barrow. Match che perde d’intensità col passare dei minuti. Nel finale, all’84’, Lazio sfortunatissima con tre occasioni in un’unica azione. Ma prima il palo e poi una doppia parata del portiere bergamasco mantengono la porta inviolata. Arriva il triplice fischio finale dopo tre minuti di recupero. La Lazio cade anche a Bergamo, ora la classifica si complica ulteriormente con la Lazio che resta penultima a quota 8 punti, con 3 lunghezze di vantaggio sulla Sampdoria fanalino di coda e a un punto di distanza da Bologna, Verona, Napoli e Udinese a quota 9.




IL TABELLINO

ATALANTA – LAZIO 3-0

MARCATORI: 40′ Barrow (A), 54′ Colpani (A), 58′ Melegoni (A)

ATALANTA (4-3-3): Carnesecchi; Zortea (72′ Del Prato), Alari, Bastoni, Migliorelli; Colpani (80′ Rinaldi), Bolis, Melegoni; Elia (59′ Kulusevski), Barrow, Mallamo A disp. Vidovsek, Guth, Salvi, , Carminati, Pagliari, Chiossi, Rizzo Pinna, Nivokazi, Peli All. Massimo Brambilla

LAZIO (4-4-2): Rus; Spizzichino, Silva, Baxevanos, Petro; Bari, Rezzi (45′ Javorcic), Miceli, Aliaj; Sarac (82′ Del Signore), Al-Hassan (75′ Falbo) A disp. Alia, Kalaj, Zitelli, Paglia, Spurio, Battistoni, Fidanza All. Andrea Bonatti

ARBITRO: Pierantonio Perotti (sez. Legnano) ASS: Gregorio – Mittica.

NOTE: AMMONITI: 38′ Bolis (A) REC: 2’pt – 3’st






LASCIA UN COMMENTO

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.