di Alessandro DE CAROLIS 

Le pagelle biancazzurre della goleada inflitta dalla Lazio al Sassuolo:




Strakosha 8: Non può far nulla sul rigore di Berardi. Al 32’ esce e salva su Duncan in uscita bassa. Al 25’ della ripresa altro salvataggio decisivo. Sempre più insuperabile. Sempre sul pezzo e attento su ogni pallone.




Patric 6.5: Dalla sua parte arrivano i pericoli maggiori. Gioca in un ruolo non suo e si vede. La grinta e l’impegno ci sono ma i movimenti che è chiamato a fare non sono nel suo dna di terzino.




Radu 7: Decisamente meglio rispetto alla partita di Europa League. Stefan oggi è un vero muro, corre e lotta su ogni pallone. ( dal 40’ Mauricio 6: Sul mercato per tutta l’estate e ora reintegrato in rosa vista l’emergenza in difesa. Entra nel finale per fare minutaggio dopo mesi di assenza dal terreno di gioco).




De Vrij  8 Al 10’ sigla il 2-1 di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Stacco imperioso con palla che si insacca alle spalle di Consigli. ( Dal 21’st Luiz Felipe 6.5   In una vera occasione in cui è protagonista si distingue bene fermando un pallone insidioso al centro dell’area. Sta migliorando col tempo che passa, plasmato dalla mano di Inzaghi).




Marusic 7: Molto bene in fase offensiva, è andato vicino al gol in un paio di occasioni. Sulla sua fascia però nascono i pericoli maggiori avendo alle spalle un terzino adattato a centrale come Patric. Ma questo Marusic è un valore aggiunto alla rosa laziale.




Parolo 8: C’è gloria anche per lui al 18’ buttando in rete con una puntata da calcetto il poker biancazzurro. Oltre alla tanta sostanza a centrocampo Marco torna finalmente al gol con uno dei suoi soliti e decisivi inserimenti. Sigla la sua doppietta al 24’ dopo una mischia in area.




Lucas Leiva 7: Una prova monumentale per Lucas che dimostra tutta la sua esperienza e tutta la sua qualità come filtro davanti alla difesa. La sua presenza dà una solidità granitica alla Lazio. Interdizione perfetta e buon piede per smistare i palloni per i compagni.




Milinkovic-Savic 7.5: Giocatore essenziale in questa Lazio. La sua potenza fisica e le sue giocate di fino incantano sempre. Inarrestabile.




Lulic 7: Il capitano mette sempre il cuore in campo facendo entrambe le fasi. Senad incarna lo spirito di Inzaghi in questa squadra di leoni. Vero leader in campo e nello spogliatoio, la sua presenza è fondamentale.




Luis Alberto 9.5: Al 45’ sigla il pareggio con una punizione a dir poco fantastica. Una capolavoro balistico che si infila sotto l’incrocio del primo palo. Palla a giro che non lascia scampo a Consigli. Sigla il 3-1 al 12’ con un gol da strappare applausi. Raccoglie la respinta del portiere in anticipo su Immobile, salta Consigli in uscita disperata e con incredibile freddezza entra in area disorientando i due difensori davanti alla porta prima di piazzarla sul primo palo. (dal 26’ Nani 6 Debutta finalmente con un’ovazione degna di una star. Tocca pochi palloni ma la buona notizia è vederlo in campo pronto a prendersi la Lazio.)




Immobile 8: Al 10’ si fa già notare per una galoppata sulla sinistra saltando di netto l’avversario. La sua forma fisica è smagliante. Nel secondo tempo le prova davvero tutte per segnare. Ci riesce al 36’ siglando il rigore del 6-1 che si era procurato per fallo di Mazzitelli. Un gol meritatissimo per il numero 17 biancazzurro, sempre più goleador di questa immensa Lazio.




All. Inzaghi 8: Continua a stupire perché nonostante le emergenze la Lazio continua a vincere e a convincere. Le sue mosse tattiche sono da manuale, la sua grinta la vera benzina di questa Lazio. Il suo bel gioco va oltre ogni difficoltà e la sua lazialità è così intrinseca e indiscussa che nel dopo partita porta il figlio sotto la Nord per calciare in rete il pallone. Vero artefice di questa fantastica Lazio.






LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.