di Fabio BELLI

Quinto posto, settanta punti, nessun record e un finale di stagione con quattro sconfitte consecutive. Come Dorando Petri, la Lazio arriva sfinita al traguardo di questa Serie A. Non c’è però nessuno a sorreggerla e alla fine si chiude con la consapevolezza di poter migliorare ancora l’anno prossimo. La copertina di giornata se la prende però tutta il Crotone: la clamorosa sconfitta dell’Empoli a Palermo regala una Serie A che sembrava ormai irrimediabilmente perduta ai calabresi. E la festa dello stadio Scida è sfrenata per una salvezza meritata sicuramente nelle ultime giornate.




FORMAZIONI – Lazio con tante assenze, a centrocampo torna Murgia, De Vrij resta in panchina in difesa mentre Strakosha riprende il suo posto in posta. In avanti c’è Felipe Anderson a supporto di Immobile. Nel Crotone Nicola dà fiducia a Nalini, avrà ragione su tutta la linea.




URAGANO ROSSOBLU – E’ proprio Nalini infatti ad aprire le danze, ben servito da Rhoden in una difesa laziale non impenetrabile. 6′ dopo lo stacco di testa di Falcinelli fa sognare lo Scida. La Lazio prova a riaversi e guadagna un rigore per spinta su Patric. Immobile realizza dal dischetto la sua rete numero ventitré in Serie A, massimo bottino per l’attaccante nella sua carriera.




SALE IN CATTEDRA ROCCHI – Proprio Immobile si guadagnerebbe un nuovo penalty, ma Rocchi soprassiede: arriva invece l’espulsione di Bastos, l’angolano già ammonito tenta di trattenere la gamba sullo scatenato Nalini, ma Rocchi è implacabile e infligge il secondo giallo. Con la Lazio in dieci, il Crotone ha ormai in pugno la partita.




LA CHIUDE NALINI, POI PAZZA GIOIA ALLO SCIDA – In inferiorità numerica la Lazio vede venir meno le motivazioni e la forza, e le notizie da Palermo tengono invece al massimo la concentrazione crotonese. Nalini al quarto d’ora la chiude, nel frattempo Inzaghi dà spazio ai Primavera (attuali ed ex) con Rossi, Crecco e nel finale l’esordio in Serie A per Spizzichino. L’uno-due del Palermo al Barbera fa però impazzire di gioia lo stadio Scida. Il Crotone, che si era trovato anche a -8 dall’Empoli, festeggia un’insperata salvezza. Per la Lazio la consapevolezza di aver toccato un punto di partenza e non di arrivo. Le gioie di questa stagione rendono molte, ma il finale di stagione ricorda come la strada da fare sia ancora molta per essere davvero grande.




IL TABELLINO

CROTONE-LAZIO 3-1

MARCATORI 14′, 60′ Nalini (C), 22′ Falcinelli (C), 26′ rig. Immobile (L)

CROTONE (4-4-2): Cordaz; Sampirisi, Ceccherini, Ferrari, Martella; Rohden, Crisetig, Barberis, Nalini (88′ Mesbah); Falcinelli (94’Borello), Tonev (95′ Kotnik). A disp. Festa, Viscovo, Rosi, Claiton, Dussenne, Sulijc, Capezzi, Acosty, Simy. All. Davide Nicola

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos, Wallace (79′ Spizzichino), Radu; Basta, Murgia, Biglia (69′ Crecco), Milinkovic, Patric; Felipe Anderson (69′ Rossi), Immobile. A disp. Vargic, Adamonis, De Vrij, Cardoselli, Lombardi, Mohamed, Tounkara. All. Simone Inzaghi

Arbitro: Rocchi (sez. Firenze).

Ass: Meli-Crispo. IV: Ranghetti. Add: Guida-Russo.

NOTE. Ammoniti: 21′ Bastos (L), 33′ Crisetig (C), 43′ Patric (L), 45′ Biglia (L),58′ Murgia (L) Espulsi: 42′ Bastos (L) per seconda ammonizione Recupero: 1′ pt; 5′ st.



LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.