Alla vigilia della finale di Supercoppa italiana, che vedrà La Prima Squadra della Capitale sfidare domani la Juventus, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa dallo Stadio Olimpico.




“La Lazio arriva bene a questa finale. Abbiamo fatto un buonissimo precampionato lavorando intensamente dal 4 luglio sapendo che avremmo disputato la Supercoppa come prima gara della stagione. Abbiamo provato tante cose e ci siamo preparati bene per la partita di domani. Contro la Juventus siamo sfortunati: affronteremo la miglior squadra in Italia, la compagine che ha vinto gli ultimi sei Scudetti. Dovremo fare la gara perfetta. Nelle ultime quattro sfide disputate contro i bianconeri abbiamo offerto buone prestazioni, ma non perfette. Anche in finale di Coppa Italia abbiamo messo in campo una buona prova, ma subendo due gol che non si possono concedere alla Juventus. Se Keita non avesse colto il palo forse sarebbe cambiato qualcosa, ma abbiamo concesso due gol troppo facili ai bianconeri.




Abbiamo avuto un problemino con Felipe Anderson nell’amichevolecon il Bayer Leverkusen: stava facendo un’ottima preparazione il brasiliano. Oggi valuteremo se riusciremo ad averlo disponibile per domani, lui vuole provarci; vedremo solo dopo la rifinitura se sarà a disposizione. Marusic ha dimostrato di essere un calciatore pronto: è un ragazzo sveglio che sta imparando l’italiano in pochissimo tempo. Ho qualche dubbio di formazione come sempre: uno di questi è il ballottaggio tra Basta e Marusic, meritano entrambi il posto, ma deciderò solo domani chi giocherà. Leiva si è inserito al meglio, dopo 15 giorni conosce già i compagni, è un leader e ci darà grandissime soddisfazioni.




Per costruire grandi squadre bisogna dare continuità al gruppo, tenendo i giocatori migliori per aprire un ciclo. La Società mi sta soddisfacendo: la dirigenza voleva trattenere Biglia, anche io ho provato a convincerlo, ma lui aveva già fatto la sua scelta. Sono soddisfatto dei ragazzi che sono arrivati. Quest’anno sappiamo che avremo più partite rispetto alla scorsa stagione e avremo bisogno di giocatori in più per esser pronti ogni tre giorni. Sapevamo di prendere Leiva, mi dà ampie garanzie: ho provato anche Luis Alberto come mediano, lo spagnolo ha fatto molto bene. In caso di necessità abbiamo anche Di Gennaro che ha già svolto in passato quel ruolo. Bonucci è un grande giocatore che stimo anche umanamente, ma il livello tecnico della Juventus è rimasto intatto.




Ci sono delle voci riguardo Keita: io osservo tutto, guardo i miei ragazzi e tutti sanno quello che devono fare e quello che io voglio da loro. La mia squadra dovrà essere al 100%, se Keita potrà darmi il massimo, avrà la sua chance, altrimenti giocheranno altri calciatori che avranno più forza e determinazione del senegalese. I numeri parlano chiaro. Ultimamente abbiamo una tradizione sfavorevole contro al Juventus, come la maggior parte delle squadre italiane. Dovremo fare una gara coraggiosa perché sappiamo che le partite secche possono riservare ogni risultato: abbiamo bisogno di coraggio. Sappiamo chi incontreremo, dovremo essere squadra, gruppo e lottare insieme su ogni pallone. È per noi motivo d’orgoglio giocare questa finale, ce la siamo meritata e vogliamo disputarla al meglio. Siamo sfavoriti, ma nel calcio può accadere tutto”. 

(fonte e foto: sslazio.it)






LASCIA UN COMMENTO