di Giorgio Bicocchi

La Lazio Pallanuoto ha stravinto 11 a 7 a Torino, conquistando così il diritto di disputare anche la prossima Serie A1. Nella finale di sabato pomeriggio per non retrocedere in A2 si sfideranno così i piemontesi e la Vis Nova, sconfitta dal Bogliasco.

Risultato netto, verdetto ineccepibile. Guidata da uno stratosferico Cannella, autore di cinque, meravigliose reti, la Lazio ha prevalso in due frazioni, pareggiando le restanti. Nessuna recriminazione, pertanto, per Torino, sempre sotto nel punteggio, irretita da una Lazio che mai ha perduto la bussola, attenta in difesa e letale in attacco. Due forse gli episodi chiave della gara. Il rigore parata da Correggia quando il punteggio era di uno a uno e la espulsione di Bezic nella terza frazione.

In mezzo una Lazio coriacea, stretta attorno ai suoi uomini più fidati. Ovvero il Capitano Colosimo, Di Rocco, Maddaluno, tutti autori di una doppietta a testa. Cannella ha segnato a mitraglia, entrando coi fatti nella storia di questo play out. In vantaggio per cinque a tre a metà gara e poi per otto a sei alla fine del terzo tempo, la Lazio ha maramaldeggiato nella ultima frazione, tenendo brillantemente a bada le pur sterili velleità gialloblù.

Ci sarà tempo per analizzare il senso di questa annata che comunque lascia in eredità qualche palpito e qualche pressione di troppo. Festeggiamo la salvezza e alziamo i calici. La Lazio resta nella massima serie. Un risultato straordinario se considerate che, ancora a metà dicembre, la squadra non aveva ancora vinto una partita, ancorata a zero punti in classifica. Buon viaggio di ritorno da Torino ai nostri ragazzi che hanno difeso la storia di una delle nostre Sezioni più amate. La Lazio si è salvata. Onore alla nostra squadra.

(Fonte: sslazio.org)

LASCIA UN COMMENTO