Alla vigilia del match Pescara-Lazio, valido per la XXIII giornata di campionato, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa dal Centro Sportivo di Formello.




“Speravo di andare avanti in Coppa Italia, abbiamo centrato un obiettivo importante. Abbiamo meritato di arrivare in semifinale, ce la giocheremo con la Roma nel migliore dei modi. La nostra gente ci tiene molto, ma il nostro pensiero ora è al Pescara.




Domani a livello di concentrazione dovremo essere sempre sul pezzo. Affrontiamo una squadra che gioca un buon calcio, hanno una classifica bugiarda e si sono rinforzati nell’ultima finestra di mercato. Ho chiesto alla squadra di approcciare nel modo giusto. Potrebbe prospettarsi una gara insidiosa. Oddo è un amico, è molto bravo e preparato. La classifica non rispecchia il valore della formazione abruzzese.




Keita è tornato molto bene. Ha fatto tre allenamenti ad alti livelli, ha avuto il giusto atteggiamento. Abbiamo del tempo per valutarlo, ma potrebbe giocare anche dall’inizio. Valuterò il recupero degli altri, perché tutti hanno speso molto. Faremo dei cambi perché contro l’Inter sono servite molte energie. La squadra vuole riprendere il cammino in campionato nel migliore dei modi.




La mia squadra la vedo in alto,  è competitiva. I miei ragazzi hanno vinto in casa della squadra più in forma d’Europa. Nel cammino ci può stare qualche passo falso, ma alla vigilia del match contro l’Inter avevo già detto che quella contro il Chievo fu una sconfitta casuale. Ci siamo ricompattati e abbiamo giocato benissimo alla Scala del Calcio.




Keita, essendo molto giovane, ha ampi margini di miglioramento. E’ un giocatore importantissimo, da allenatore lo vorrei anche in futuro. Sposta gli equilibri della partita, ma ci sono dei discorsi da affrontare a riguardo che non mi competono. Qualche calciatore ha espresso il desiderio di giocare come Leitner, Cataldi e Kishna. Sono stati molto disponibili e, soprattutto Cataldi, ci ha dato molto. Siamo completi, abbiamo delle rotazioni e abbiamo dei giocatori molto duttili. Crecco l’ho visto crescere, ha buone qualità e può ricoprire più ruoli.




De Vrij, dopo la gara di San Siro, ha riposato essendo affaticato. Si è allenato bene e domani decideremo se farlo giocare dall’inizio. Crecco può far bene, può darci una mano. I giovani vanno lanciati nel momento giusto; non ho mai fatto regali a quest’ultimi, li ho visti crescere e hanno dimostrato di dare il massimo quando vengono chiamati in causa. Murgia e gli altri mi hanno fatto capire di poter giocare, anche in uno stadio come il San Siro.




Da Murgia mi aspettavo una grande prestazione. Poteva giocare dall’inizio già da qualche partita, ma davanti a lui ci sono giocatori importanti che stanno facendo molto bene in campionato senza mai deludermi. Alessandro ha sempre dimostrato di stare sul pezzo, avrà altre opportunità. Milnkovic sta bene e giocherà sicuramente dall’inizio; è più fresco, martedì ha riposato.

Martedì è stata una partita importantissima, abbiamo vinto con grande personalità. I ragazzi sono molto contenti perché teniamo alla Coppa Italia e dovremo esser bravi a metterci alle spalle questa vittoria e i complimenti. Abbiamo analizzato le cose positive e negative del match giocato a San Siro, poi ci siamo concentrati sul Pescara che, sicuramente, non ci regalerà nulla.




Domani non dobbiamo sbagliare nulla mentalmente. Dobbiamo interpretare bene la gara sfruttando ogni occasione. Ci renderanno la vita difficile, ma noi dovremo sfruttare ogni opportunità.

Rossi è un giocatore importante, ha giocato contro Crotone e Chievo. Deve crescere, può darci una mano. Oggi giocherà con la Primavera, ma farà parlare di sé perché è umile e ha voglia di imparare da allenatori e compagni.

Al di là dell’aspetto tattico, dovremo esser bravi a fare una buona gara con il giusto spirito. Loro sono molto bravi nelle ripartenze, ma noi siamo la Lazio e andremo in Abruzzo per vincere. Tounkara e Crecco saranno convocati per la gara di domani perché non ci sarà Lombardi.




Tounkara ha avuto una grande crescita, poi ha rallentato. E’ stato in prestito, ma in questi mesi si è allenato bene con noi. Abbiamo deciso di inserirlo in squadra, fa parte del nostro patrimonio. Starà a lui ritagliarsi un po’ di spazio attraverso impegno e lavoro.

Valuterò i dati degli allenamenti, parlerò con i ragazzi e domani mattina deciderò con calma. Parolo e Lulic hanno giocato molto ultimamente e potrebbero esser schierati anche domani. Prima di decidere l’undici, valuterò la condizione di tutti”.

(fonte: sslazio.it)




LASCIA UN COMMENTO