di Alessandro DE CAROLIS

Prima giornata di ritorno per i ragazzi di mister Bonatti, prima partita casalinga dell’anno contro il Perugia di mister Ciampelli.




Dopo una prima fase di studio sono gli ospiti a cominciare a creare pericoli al 5’ con il tiraccio di Panaioli respinto dalla difesa biancoceleste. Al 7’ occasione nitida per il Perugia con Buzzi che entra in area sulla destra e calcia in porta impegnando Adamonis in una respinta col piede. Lazio che si fa viva al 12’ con Miceli su punizione dalla lunga distanza senza però centrare lo specchio della porta tanto da impensierire Santopadre. Al 18’ è di nuovo Buzzi creare pericoli con un tiro che si perde alto sulla traversa vanificando una buona azione offensiva. Al 22’ è la Lazio ad avere la più nitida palla-gol con l’esordiente N’Diaye che raccoglie l’ottimo suggerimento di Muzzi prima di calciare al volo sul secondo palo. Salva tutto Santopadre parando col piede come Adamonis precedentemente. Biancocelesti che sembrano essersi svegliati lì davanti visto che al 25’ si rendono pericolosi con Spizzichino che dalla destra mette in mezzo un cross teso e basso sventato in calcio d’angolo da Achy.




È una partita divertente e rude come dimostrano i molti e decisi interventi di gioco ma l’arbitro De Remigis lascia correre in perfetto stile inglese. Al 33’ non poteva mancare di farsi vivo capitan Rossi che gira di testa un pallone di Folorunsho di poco alto sulla traversa. Un vero brivido di paura per la Lazio al 36’ quando Adamonis sbaglia il rinvio con le mani servendo Buzzi il cui pallonetto per fortuna non trova lo specchio di porta. Un vero orrore che poteva costare caro ai ragazzi di mister Bonatti. Al 40’ anche Santopadre mette i brividi ai suoi quando cicca completamente l’uscita alta su un calcio d’angolo. Al 42’ Adamonis anticipa in uscita bassa Buzzi sventando una pericolosa occasione. L’ultima chance è della Lazio al 46’ con N’Diaye che per liberarsi dalla marcatura arriva sbilanciato sul pallone e spreca tutto calciando alto. Finisce così un primo tempo combattuto e dal risultato giusto.




La ripresa inizia subito forte al 48’ con un intervento dubbio di Achy che poteva costare il calcio di rigore. Perugia che al 55’ ci riprova col solito Buzzi che crossa per Panaioli il cui colpo di testa finisce di poco sul fondo. Ospiti che al 57’ vanno al tiro con Garofalo che da fuori area cerca il colpo vincente che mette i brividi all’estremo difensore biancoceleste. Al 6’ Miceli svetta su un calcio d’angolo ma il suo colpo di testa sfiora per questioni di centimetri la traversa. La partita si sblocca al 64’ con Rossi che ancora una volta fa la differenza e sigla la rete del 1 a 0. Cross di Al Hassan, Folorunsho fa la sponda per il suo capitano che di testa porta la Lazio in vantaggio. Gol preziosissimo e inaspettato.




Al 73’ magia di Rossi che supera Settimi con una veronica ma l’avversario lo stende rudemente prendendo il giallo e costringendo il numero 9 a lasciare il campo per infortunio. Al 85’ Patrignani atterra Folorunsho e si becca il secondo giallo lasciando così i suoi a dover rimontare il risultato in inferiorità numerica. Lazio quindi che nei minuti finali può gestire al meglio il risultato. Al 92’ Al Hassan pecca d’egoismo e spreca un contropiede di tre contro uno permettendo agli ospiti di salvarsi in calcio d’angolo. Triplice fischio finale e Lazio che porta a casa tre punti sofferti che valgono d’oro in una partita di certo non entusiasmante come oggi.




IL TABELLINO

LAZIO – PERUGIA 1-0

Marcatori: 64′ Rossi (L)

LAZIO (4-3-3):  Adamonis; Spizzichino, Miceli, Petro, Ceka; Muzzi (56′ Al-Hassan), Bari, Folorunsho; N’Diaye (50′ Portanova), Rossi (76′ Rezzi), Bezziccheri. A disp.  Borrelli, Spiezio, Spurio. All. Andrea Bonatti

PERUGIA (4-4-2): Santopadre; Patrignani, Achy, Polidori, Garofalo; Buzzi, Amadio (81′ Filoia), Ceccuzzi, Salvucci (59′ Settimi); Panaioli (71′ Pellegrini), Vicaroni. A disp.  Sorci, Pietrangeli, Bagnolo, Chirilenco. All. Davide Ciampelli

Arbitro: Daniele De Remigis (sez. Teramo)

Ass: Rotondale – Marinenza.

NOTE. Ammoniti: 10′ Patrignani (P), 38′ Bari (L), 74′ Settimi (P) Espulsi: 85′ Patrignani (P) per doppia ammonizione Recupero: 2′ pt; 4′ st.




LASCIA UN COMMENTO