Dalla sala stampa del Centro Sportivo di Formello, alla vigilia del match contro la Roma, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa.

Domani sarà una partita a sé. Da giocatore ne ho disputati tanti, da allenatore solo nel settore giovanile e sarà il primo per me sulla panchina della prima squadra. Abbiamo preparato la partita come sempre. Sappiamo che incontreremo una squadra forte. Con umiltà e determinazione possiamo fare un buon derby e vincerlo. Domani dovremo lottare su ogni pallone, giovedì c’era tantissima gente a Formello e i ragazzi erano molto contenti di questo. Percepiscono che sarà una sfida molto importante. Non siamo soli, lo abbiamo capito anche nelle ultime gare casalinghe, perché lo stadio ci vuole bene e vuole la nostra vittoria. Siamo contenti che la Curva Nord sia esaurita per il derby, anche questo era un nostro obiettivo. Ci sono volute 14 partite e adesso siamo lì, vogliamo rimanerci, ma il difficile arriva adesso. Dobbiamo mantenere questa classifica, non sarà facile. Abbiamo preparato al meglio la sfida e proveremo a dare questa soddisfazione ai nostri tifosi.

Il nostro cammino è stato buono, ci manca qualche punto in classifica. Avremmo meritato di vincere contro Bologna e Torino, ma allo stesso tempo potevamo anche pareggiare contro il Palermo all’ultima giornata. La classifica rispecchia il nostro percorso in campionato.

L’umore dello spogliatoio è buono perchéi ragazzi sono consapevoli e partecipi, a prescindere dal loro minutaggio in campo. Ho voluto creare un gruppo coinvolgendo tutti. Abbiamo avuto diversi contrattempi, ma ci siamo compattati. Abbiamo superato delle difficoltà e i ragazzi si sono uniti remando tutti dalla stessa parte. Adesso viene il bello.

Salah è un grandissimo calciatore ed è un valore aggiunto della Roma. Chi giocherà al posto suo però vorrà far bene, la sua assenza può essere un’arma a doppio taglio. Nessuno ha la sfera di cristallo e non so come sarebbe andata la partita con lui in campo. Ho grande rispetto per i giallorossi, hanno qualità e un allenatore che stimo. Spalletti prova a giocare ogni partita, preparandole mentalmente, è un tecnico preparato e proverà a metterci in difficoltà. Noi faremo altrettanto.

Il derby può influenzare il trend della stagione. Se si vincesse sarebbe il massimo. Noi faremo il meglio per ottenere un buon risultato. La nostra gente si aspetta che la Lazio faccia la partita come sempre. Ci vuole qualcosa in più per vincere una stracittadina, serve una partita perfetta da parte di tutti: ho detto questo ai ragazzi.

Milinkovic ha preso una botta giovedì ed era dolorante. Manca ancora un allenamento e domani mattina avremo anche un piccolo risveglio muscolare: valuterò le sue condizioni e quelle di De Vrij a prescindere dallo schieramento della Roma. Prenderò le mie decisioni con molta tranquillità come sempre.

I miei uomini si sono caricati giovedì con la nostra gente. Girando per Roma penso che abbiano misurato il termometro per capire cosa voglia dire giocare un derby qui. Molti dei nostri calciatori c’erano il 26 maggio, altri erano presenti negli ultimi e sanno cosa significa giocare un derby. I giovani lo hanno giocato con me nel settore giovanile, ma sarà un’altra cosa all’Olimpico. Dovremo avere la giusta umiltà e concentrazione perché è una partita delicata.

Guardo in casa mia e il nostro ambiente. Abbiamo avuto infortuni pesanti nell’arco della stagione, qualcuno si era fasciato la testa con anticipo. Abbiamo trovato dei giocatori che si sono rivelati fondamentali e ci hanno permesso di essere quarti. Abbiamo giocato per un lungo periodo senza de Vrij e Biglia, dimostrando di essere un gruppo vero. Chi giocherà al posto di Salah darà il suo massimo.

Giocheremo con la maglia celeste. Nel calcio ci sono altri fattori, in casa con il Genoa abbiamo indossato la maglia blu e con quella divisa abbiamo vinto anche a Palermo. Ma in un derby penso sia giusto scendere in campo con la nostra maglia storica.

La squadra è consapevole che sta facendo bene ottenendo buoni risultati. Stiamo disputando ottime partite. Siamo andati a giocare a Napoli e qualcuno ha storto il naso per il cambio di modulo. La squadra deve essere umile e adattarsi anche agli avversari. Dovevamo limitare i partenopei e abbiamo giocato diversamente. La squadra mi ha seguito alla lettera e domani vedremo. A prescindere dagli uomini, abbiamo la possibilità anche di cambiare tatticamente in corsa.

Abbiamo rispetto per la Roma. Hanno qualità e sono una squadra costruita per fare la Champions e vincere lo Scudetto. Siamo partiti con diffidenza, ma ci siamo uniti e abbiamo fatto gruppo. Tutti ora ci aspettano e parlano di noi, cercheremo di fare un grande derby.

Alla testa dei ragazzi ci hanno pensato i nostri tifosi giovedì facendo capire loro il valore del derby; per i nuovi arrivati è stato molto importante. Alle gambe ci abbiamo pensato io e lo staff, lavorando bene in settimana. Domani prenderemo le nostre scelte.

Noi giocheremo in casa davanti ai nostri tifosi e vogliamo vincere. Nessuno può prevedere come andrà, ma noi daremo tutto per dare una gioia alla nostra gente.

Non sappiamo cosa ci aspetterà. la Roma cambierà qualcosa tatticamente, ma non so con chi giocherà. Ha tante soluzioni, come Iturbe. E’ stato pagato tanto ed è un giocatore importante. A prescindere dagli uomini e dalla tattica, sarà importante interpretare bene la partita con umiltà e determinazione.

Domani arbitrerà Banti che mi ha espulso in un Inter-Atalanta quando ero in prestito a Bergamo. L’anno scorso mi allontanò anche in occasione di Lazio-Inter. Qualcuno può dire che c’era un rapporto così e così, ma ci ha arbitrato benissimo a Bergamo e abbiamo vinto. Se è stato designato lui un motivo c’è, abbiamo massima fiducia in lui perché è abituato a questo tipo di partite.

Tutte le squadre subiscono nell’arco di una partita perché in campo c’è sempre un avversario. La Roma è forte e proveremo a colpirli ma dovremo essere bravi a non subirli”.

LASCIA UN COMMENTO