Marchetti 7: Mai impensierito più di tanto. Fa il suo dovere, nonostante abbia fatto gelare il sangue ai più (se non a tutti i presenti) nel corso del primo quarto d’ora. Complice, in realtà, tutto il reparto difensivo biancazzurro.
Patric 7.5: Propositivo per tutto il corso della gara
Wallace 7: Sporca la prestazione agli sgoccioli di una partita giocata correttamente: devia il colpo di testa di Capuano e il Cagliari può siglare il metaforico gol della bandiera.
Hoedt 7.5: Anche lui, come Lulic, in crescita nelle ultime giornate: preciso (e controllato) quando le maglie del gioco si allargano
Radu 7.5: Chiude bene gli spazi, controllando opportunamente il suo settore.
Parolo 7.5: Costante nella prestazione, lotta sulla quasi totalità dei palloni e delle situazioni in cui deve intervenire.
Cataldi 7: Qualche svista in fase difensiva, perdendo qualche pallone che scotta.
Lulic 7.5: In crescita da qualche giornata a questa parte. Si riprende, in sostanza, da qualche partita opaca di inizio stagione e questo non può che giovare a tutto il gruppo a disposizione di Inzaghi.
Anderson 8.5: Torna il Felipe Anderson che aveva viziato (e deliziato in molte occasioni) i tifosi biancazzurri. Torna quel Felipe Anderson. E segna.
Immobile 9: Necessario ribadire, con questo video, quanto scritto dal Direttore Fabio Belli durante la diretta dallo Stadio Olimpico.
Balde Diao 8.5: E’ lui, se è concesso scriverlo, colui che mette più in crisi tutto il (fragile) reparto difensivo del Cagliari. Una scheggia impazzita che apre le danze della partita e dà speranza ai laziali presenti. Fin da subito è offensivo e propositivo. Assieme ad Immobile, è bene ribadirlo ancora una volta, è l’arma vincente di questa Lazio.

LASCIA UN COMMENTO