Alla vigilia della partita contro il Torino, l’allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, è intervenuto in conferenza stampa da Formello per presentare il match. Queste le dichiarazioni del tecnico:

Diciamo che siamo in emergenza perché ci mancano giocatori importanti, ma sono tranquillo perchè gli altri faranno di tutto per mettersi in mostra, hanno lavorato bene e sono fiducioso.  Bastos , de Vrij, Radu, Biglia e Milinkovic probabilmente avrebbero giocato. Sono cose che accadono nel calcio ma così tutti assieme non mi era mai capitato. Sono contento del resto della squadra che ha lavorato bene, andiamo ad affrontare una gara difficile in un momento in cui stiamo crescendo. La mia squadra ha fatto bene anche contro il Bologna. Sono fiducioso perché ho visto i ragazzi con tanta voglia di far bene.

Il Torino sta andando bene, sta facendo un buon campionato. E’ una  squadra con ottimi elementi allenata dal mio amico Sinisa, è un allanatore preparato che dà un’identità alle sue squadre. Sarà importante domani. Ci saranno 3 gare in una settimana e dovremo recuperare degli uomini per cambiare a seconda delle esigenze.

I due attacchi sono ottimi, però mi tengo il mio. Abbiamo massimo rispetto per i loro giocatori. Oltre al tridente titolare, hanno anche i tre in panchina che sono altrettanto bravi. La loro rosa è allestita bene. Ci siamo allenati al meglio, troveremo lo stadio pieno e sarà bello. L’abbiamo preparata al meglio.

Sono due ragazzi del 94. Wallace è al primo anno, sta crescendo ed è molto disponibile. Ha quasi imparato la lingua. Hoedt è facilitato perché era già qui e sta crescendo. Sono soddisfatto di entrambi. Quando giocano con De vrij crescono di giorno in giorno. Nell’ultima mezz’ora di Bologna hanno fatto bene.

Vediamo se avremo de Vrij per il derby. Si è fatto male, rinviando un pallone, in un contrasto con Immobile. In un primo momento sembrava essere Ciro ad aver avuto la peggio. Si vede che doveva toccare a noi questo.

Biglia sta facendo progressi, sta lavorando bene e la prossima settimana valuteremo. Dovrebbero mancare 2 settimane al recupero, speriamo di recuperarlo una settimana prima.

Bastos rispetto a Biglia rientrerà dopo. E’ una sensazione mia. Parlerò con i medici. Quando ci infortuniamo ci infortuniamo gravemente. Sono due giocatori importanti e stanno dando massima disponibilità ai sanitari per tornare il prima possibile.

Io penso che la squadra dovrà andare in campo per vincere, gli infortuni capitano. Cinque titolari infortunati in una volta sola non mi era mai capitato, ma con i ritmi del calcio di oggi può capitare. Andiamo avanti con fiducia e con la consapevolezza d’aver lavorato bene. Andiamo a Torino per giocarcela.

Patric sta facendo molto bene perchè è serio e si allena sempre molto bene anche quando gioca: è qui la differenza. Ci sono dei momenti nei quali non ha giocato molto, come nelle prime 6 partite, e lui ci ha sempre messo impegno. Domani giocherà a sinistra vista l’ assenza di Radu. C’è anche Lulic però.

Anche Leitner e Luis Alberto sono arrivati da poco e devono imparare la lingua. Sono due ragazzi che si impegnano. Luis Alberto ha avuto la sua occasione contro il Bologna, mi aspettavo qualcosa in più ma era difficile in quelle condizioni. Si allena sempre nel migliore dei modi. Leitner lavora bene e sta imparando l’italiano, dà sempre la massima disponibilità.

Domani mattina prenderò le mie decisioni. Ieri ho provato Cataldi e oggi Parolo ma non cambia molto, hanno caratteristiche differenti ma hanno la capacità di coprire entrambi i ruoli.

Non mi sorprende la carriera di Sinisa, con lui c’è un ottimo rapporto. Prima ci vedevamo spesso quando allenavo la Primavera. Lui aveva i figli che giocavano alla Lazio e parlavamo spesso. Avevamo un ottimo rapporto anche come compagni e sarà bello rivederlo e riabbracciarlo poi, che vinca il migliore. Spero vinca la Lazio ma so che affrontiamo una squadra che sta al meglio. Noi però non regaleremo nulla.

Djordjevic sta lavorando molto bene, si impegna molto. Siamo al 22 ottobre, è presto parlare di mercato. In queste partite dobbiamo dare il massimo e sono sicuro che lo faremo. Djordjevic si è scaldato domenica ma secondo me centralmente non entravamo molto e avevo in campo Keita affaticato quindi dovevo scegliere tra lui e Luis Alberto: ho deciso di lasciare il senegalese in campo accentrandolo, mi sembrava opportuno inserire un esterno. Djordjevic ha la mia fiducia e la mia stima ma ogni domenica devo fare delle scelte.

Rossi sta facendo passi importanti. Nelle finali con i 94′, quando perdemmo la semifinali, me lo portavo 3 anni sotto età. Lo ho allenato e ha tutto per diventare un calciatore. Ognuno però deve percorrere le giuste tappe, sta facendo bene e deve continuare a fare il suo percorso e a fare la differenza in Primavera, se ci saranno emergenze o se crescerà ulteriormente, io lo tengo comunque sempre in considerazione e lo prenderemo senza problemi“.

(fonte sslazio.it)

LASCIA UN COMMENTO