Dal centro sportivo di Formello, il terzino biancoceleste Stefan Radu è intervenuto in conferenza stampa:

Sinceramente non sono sorpreso da questo inizio della squadra, abbiamo lavorato bene in ritiro. Quando fai un bellissimo ritiro, arrivano anche le soddisfazioni.

Forse è presto per dare delle conclusioni ma avere tre gare in casa sarà un vantaggio per noi. Le prossime cinque partite ci faranno capire dove possiamo arrivare.

Ogni partita è molto importante ma non so se la gara contro il Bologna potrà essere quella del salto di qualità. E’ ancora presto per parlarne, ma cercheremo di vincere per guadagnare altri punti.

Il mister valuta molto bene le squadre che affrontiamo e fa dei cambiamenti per metterle in difficoltà. Per me giocare nella difesa a tre o in quella a quattro non fa differenza, ma il mio ruolo naturale è quello di centrale difensivo.

Noi siamo la prima squadra della capitale, della Roma non parlo.

Voglio ringraziare i nostri tifosi che sono tornati in trasferta perché dal mio punto di vista è una cosa molto importante averli con noi lontano dall’Olimpico. Giocando fuori infatti abbiamo fatto tanti punti e speriamo di avere altrettanti tifosi anche all’Olimpico come due anni fa. Insieme faremo grandi cose perché i tifosi sono il nostro punto di forza.

Il 26 maggio rimarrà per sempre, ma fa parte del passato. Siamo in debito con i tifosi per quest’ultimi derby ma speriamo presto di vincerlo per tornare a sorridere.

Della mia assenza con l’Udinese dovreste chiedere allo staff sanitario, i ragazzi che hanno giocato hanno fatto bene in campo legittimando il risultato.

Mi aspetto una gara difficile. Al Bologna mancheranno dei giocatori, ma ho visto la gara contro il Napoli e mi hanno fatto una bella impressione. Spero di vincere: dovremo giocare con tanta attenzione sapendo che il Bologna viene all’Olimpico per vincere.

Il nostro obiettivo è tornare in Europa, ora dobbiamo vedere se in Europa League o Champions League.

Io e Inzaghi abbiamo giocato insieme e da quando era giocatore ad oggi è cambiato molto. C’è stato un cambiamento totale, ora io gioco e lui allena. Prima non lo vedevo nei panni dell’allenatore ma ora penso che sarà un allenatore vincente, anche in futuro.

Angelo Peruzzi è l’acquisto più importante della società. E’ la persona giusta, ci dà sempre una mano. Lui con la sua esperienza ci aiuterà tanto.

Non credo d’essere un senatore. Sono uno dei giocatori più anziani della squadra. Questo non è un peso per gli altri e per i più giovani perchè ho sempre dato loro dei consigli.

Noi siamo un gruppo unito e si vede. Quando manca qualche giocatore c’è sempre un sostituto pronto a mettersi in gioco. La squadra in questo modo fa bene.

Lukaku è un giocatore molto bravo che ha fatto vedere quanto sia affidabile. Può dare ancora di più rispetto a quello che ha dimostrato finora.

Con Keita c’è un buon rapporto. Lui è un ragazzo che è cambiato, molto più umile rispetto al passato. Si è messo a disposizione della squadra e ha voluto cancellare ciò che è accaduto in estate.

Bielsa? A me piace Inzaghi, con lui stiamo facendo bene. Ora abbiamo un allenatore che al di là delle critiche, continua sulla sua strada che è quella giusta“.

LASCIA UN COMMENTO