di Fabio BELLI

Il direttore editoriale di laziostory.it, Gian Luca Mignogna, è intervenuto su Radio Incontro Olympia, nella trasmissione condotta da Giorgio Cacialli e Paolo Colantoni, anche per portare aggiornamenti sulla questione Scudetto 1915.

Qual è la situazione attuale?Sicuramente la battaglia va avanti e la porteremo fino alla fine, fino all’ultimo granello di forza. Esattamente un anno fa la petizione su Change.org ha raggiunto la soglia delle 30.000 firme, che ritenevamo indispensabile per poterci muovere. Prima di Natale si è aperto il processo di revisione ufficiale in FIGC, dove nel marzo scorso è stato consegnato il dossier emerotecario, assieme a quello del Centro Studi Millenovecento che ha fissato tutti i punti per i quali la Lazio era stata parte lesa. Poi è stata istituita la Commissione e a luglio scorso i Saggi hanno riconosciuto l’estrema fondatezza della nostra tesi e che la Lazio dell’epoca era stata defraudata, con la FIGC dell’epoca che prese una decisione del tutto compiacente verso la stampa dell’epoca. Ad agosto la Federazione non si è espressa, ma il presidente Tavecchio disse che bisognava valutare le competenze del Consiglio Federale. Allora ho consegnato una memoria rafforzativa, ma il 4 agosto scorso lo stesso Tavecchio ha sciolto i dubbi affermando che sarà il Consiglio Federale a decidere.

Quando si potrà arrivare ad una decisione?Il presidente Tavecchio ha detto: “Abbiamo aspettato cento anni, possiamo aspettarne centouno.” Dobbiamo tenere presente che il Consiglio Federale ha il mandato in scadenza a gennaio. Speriamo che possa avvenire qualcosa di importante prima, ma non è da escludere che possa essere quello il momento decisivo.

E’ possibile che a qualcuno questa storia abbia dato fastidio?Dall’altra parte del Tevere… probabilmente.

LASCIA UN COMMENTO