I Giovanissimi Fascia B Elite della Lazio guidati dal tecnico Andrea Cardone escono dal Memorial Cristina Varani organizzato dal Racing Club e riservato ai ragazzi classe 2003, i biancocelesti escono dalla kermesse per colpa della differenza reti.

La Lazio inserita nel girone D affronta la prima sfida con l’Empoli pareggiando 1-1 grazie alla rete di Santilli, nella partita successiva contro l’Aquila i biancocelesti si impongono 10-0 sugli avversari; vanno a segno Migliorati, Marinacci, Castigliani, Floriani-Mussolini e Visconti con un gol a testa, mentre per ben cinque volte gonfia la rete Serafini.Nel terzo match contro i padroni di casa del Racing Club è sempre la Lazio ad avere la meglio, le giovani aquile battono gli avversari 3-0 con il gol di Ancillai e la doppietta del solito Serafini. Nell’ultima sfida del girone, la Lazio si impone sul Botev Plovdiv 5-0, entrano nel tabellino dei marcatori Serafini ed Ancillai con le doppiette personali e Santilli con un gol. I ragazzi di mister Cardone chiudono il girone eliminatorio al primo posto della classifica dopo aver conquistato 3 vittorie ed un pareggio, ma purtroppo è l’Empoli a staccare il pass per la semifinale grazie alla differenza reti. La Lazio esce dal Memorial Varani senza aver mai subito una sconfitta e dopo soli 10 giorni di allenamento è comunque un buon risultato per le giovani aquile classe 2003 della Lazio.

Il tecnico Andrea Cardone, uno dei volti nuovi di questa stagione biancoceleste, al portale sslazio.it si ritiene più che soddisfatto dei suoi ragazzi:

“Innanzitutto sono fiero ed orgoglioso di essere entrato a far parte della Prima Squadra della Capitale. In questi primi dieci giorni di allenamento ho cercato di infondere ai ragazzi proprio lo spirito della lazialità e di far capire loro che questa maglia e questi colori vanno onorati e posso dire che durante l’intero torneo lo hanno fatto. E’ un piacere vedere la propria squadra cantare l’inno della Lazio durante la presentazione, i ragazzi sono usciti dal campo dopo ogni partita avendo dato il massimo, ma purtroppo c’è un po’ di delusione perché siamo usciti dal torneo. Sono comunque soddisfatto dei ragazzi, non abbiamo mai perso, abbiamo fatto 19 gol all’attivo, mentre ne abbiamo subito solamente uno su palla inattiva, i portieri Benvenuti e Di Fusco non sono mai stati realmente impegnati e questo a livello di risultati ed a livello agonistico è importante. Usciamo dal Varani con un po’ di amaro in bocca visti questi buoni risultati che abbiamo conquistato, ma abbiamo pagato la differenza reti, non posso rimproverare nulla alla squadra, hanno dato il massimo, hanno dimostrato senso di appartenenza, si sono sacrificati e non hanno mai mollato, si meritano i complimenti. Abbiamo iniziato la preparazione da 10 giorni ed in questo torneo mi hanno dimostrato di aver recepito le cose che ho voluto trasmettergli, in primi il senso di appartenenza alla Lazio. Questo è solo l’inizio, adesso ci rimetteremo sotto a lavorare perché c’è ancora molto da imparare e c’è sempre da migliorarsi, però abbiamo iniziato con il piede giusto e come ho detto pocanzi questa maglia va rispettata e onorata e noi cercheremo di farlo nel migliore dei modi. Sono contento di questa squadra!”

LEAVE A REPLY