Il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia dell’esordio casalingo. La Lazio sarà impegnata contro la Juventus domani pomeriggio alle 18:00 allo stadio Olimpico. Queste le sue dichiarazioni:

Tutte le partite sono dei banchi di prova, il primo l’abbiamo superato, è stato un esordio su un campo difficile, la squadra è stata bravissima. Ora c’è la Juventus, noi dovremmo fare la partita perfetta e al contempo sperare che loro non siano nella miglior giornata, questo sappiamo accade raramente, siamo pronti per questa sfida e vedremo di fare del nostro meglio.

È dal 2003 che non riusciamo a battere i bianconeri, dovremmo fare qualcosa di speciale, loro si sono migliorati, è una squadra difficilissima da affrontare, vedremo domani cosa succede.

Abbiamo provato qualche alternativa, al di là dei moduli bisogna dare una giusta interpretazione, tutti i nostri singoli dovranno fare un match straordinario per venirne a capo, abbiamo ancora due allenamenti, metteremo in campo la formazione migliore.

Keita sta meglio, questa settimana ha svolto un lavoro con i preparatori, per questa partita non verrà convocato, è una scelta tecnica, vedremo come si evolverà la situazione.

Morrison è sul mercato, con la società si sta cercando una destinazione, è un giocatore di qualità ma a centrocampo siamo al completo.

Mi aspetto un atteggiamento aggressivo, dobbiamo vincere i duelli, cercare di metterla sulla corsa e sull’intensità, dobbiamo arrivare per primi sulla palla, dovremmo fare qualcosa di eccezionale.

La società sta lavorando sul mercato, arriverà qualcuno ma in questi giorni ho pensato alla Juve e alla mia squadra, mancano 5 giorni alla chiusura e sappiamo che le trattative sono lunghe, faticose e articolate. Vedremo di portare a casa il sostituto di Candreva.

Felipe Anderson, lo avevo lasciato ad Auronzo molto bene, si è allenato bene, c’è la possibilità che parta dall’inizio, ho ancora due allenamenti ma vedremo, l’ho visto carico e motivato.

È una gara importantissima, sarebbe stato meglio affrontare una squadra più abbordabile, ma il calendario ci ha detto questo. Dobbiamo essere eccezionali.

Lo stimolo in più è che i ragazzi potrebbero fare qualcosa di unico, è dal 2003 che non si batte questa squadra. Sono 13 anni e a volte le statistiche vanno battute.

Bastos, Radu, Lulic, Felipe hanno lavorato bene e sono tutti convocabili.

Alcuni dicono che sia un vantaggio affrontare subito la Juventus, io avrei preferito affrontare un’altra squadra, ma tanto bisogna affrontarle tutte.

Abbiamo analizzato i gol subiti a Bergamo, anche in fase difensiva sono stati giocati 60 minuti importanti, c’è stata solo un’occasione fortuita, si è minimizzato sulla nostra vittoria ma sono convinto che affrontare l’atalanta sarà dura per tutte le squadra, ho visto una squadra in salute. Mi porto una vittoria di gran prestigio, non era semplice vincere.

Speriamo che tornino i nostri tifosi, abbiamo bisogno di loro e del loro sostegno, la Juve l’ho incontrata due volte in nove partite, sarà destino. Ci portiamo qualcosa dell’anno scorso, sono cambiati gli interpreti ma giocherà nello stesso modo, non dobbiamo commettere quegli errori.

Il mercato ha bisogno di tempi, il problema è che uno vorrebbe lavorare al completo, ma ci sono dei tempi che non te lo permettono. Questo discorso non riguarda solo la Lazio.

Stiamo guardando e provando soluzioni alternative, la difesa della Juventus è quella della Nazionale Italiana, in più hanno preso giocatori importanti, dobbiamo cercare di essere intesi e sorprenderli, a difesa schierata sono quasi imperforabili”.

LASCIA UN COMMENTO