tratto dal Nuovo Corriere Laziale del 15 giugno 2015

di Gian Luca Mignogna

Sono già trascorse tre settimane dal centenario dello “Scudetto Negato”, la rivendicazione ex aequo del campionato 1914-1915 ha suscitato un enorme clamore mediatico e la consapevolezza della legittimità di una richiesta in tal senso ha ormai pervaso la mente e la coscienza di tutti coloro che hanno veramente a cuore le vicende biancazzurre. In queste tre settimane la novità più rilevante è stata senz’altro l’incontro tenutosi tra lo scrivente ed il Presidente della Polisportiva, Antonio Buccioni, uomo di grande disponibilità, connotato di lazialità autentica ed altamente sensibile al tema della rivendicazione ex post di quello scudetto. Ne è scaturito un patto di reciproca e leale collaborazione, finalizzato a valutare ogni ipotetica strada fruttiferamente percorribile per cercare di condurre in porto questa doverosa battaglia sportiva, sia pur nella convinzione che il percorso potrebbe rivelarsi pieno di insidie, frapposizioni e difficoltà. Quelle stesse che comunque il Dna del laziale si è già medio tempore forgiato ad affrontare, combattere e superare. Certamente ogni eventuale iniziativa in tema, per il momento, non potrà non tener conto di una presa di posizione della Lazio Calcio, che però finora è rimasta ufficialmente, sapientemente ed opportunamente silente. Con ogni probabilità, difatti, l’attuale status di Consigliere Federale in seno alla FIGC non ha consentito al Presidente Claudio Lotito di poter avocare a sé ogni eventuale iniziativa al riguardo. Anche se è forte la convinzione che la prospettiva di richiedere la nomina di un’apposita commissione federale per valutare oggettivamente i fatti de quibus e magari ottenere l’agognata attribuzione ex aequo dello Scudetto 1914-1915, com’è ovvio, non possa non aver stuzzicato i pensieri e le fantasie delle stanze dei bottoni di Formello. Come un fulmine a ciel sereno, oltretutto, la scorsa settimana il Presidentissimo biancazzurro si è visto suo malgrado coinvolto nell’improvvisa bega giudiziaria insorta per questioni tutt’interne alla Lega di Serie C, rispetto alla quali, se da una parte vi è stata l’immediata controffensiva del Number One della Lazio Calcio, non sono passate inosservate, dall’altra, le dichiarazioni del Presidente del Coni, Giovanni Malagò, che immediatamente si è espresso per un possibile “passo indietro” di Claudio Lotito in caso di sua squalifica. Il Presidente Antonio Buccioni, peraltro, ha già avuto modo di chiarire come la Polisportiva Lazio non risulti affiliata alla FIGC, ragion per cui un’eventuale istanza formalizzata dalla prima per i fini che ci occupano potrebbe esser avanzata esclusivamente dinanzi… al CONI! A prescindere da ogni eventuale questione di competenza, alzi la mano chi ritiene possibile che la Casa Madre possa farsi parte diligente per presentare un ricorso straordinario, al Presidente e/o alla Giunta del CONI, onde tutelare un diritto pregresso della Lazio Calcio di Claudio Lotito… E allora? Come affrontare questo stato di cose? Facciamo tesoro delle parole del nostro Lucio Battisti, ricordiamoci che “…Troppo spesso la saggezza è solamente la prudenza più stagnante, e quasi sempre dietro la collina è il sole…” e facciamo tutti insieme, uniti e concordi, quel che ci impone la passione, ci suggerisce la ratio e ci consente il diritto per cercare di centrare l’obiettivo tricolore di cui ci siamo fatti promotori… Coraggio, scaliamo la Collina! Lo scrivente si sta già adoperando in prima persona per acquisire alcuni documenti che potrebbero avere una notevole rilevanza probatoria, alcuni storiografi laziali hanno già garantito la propria assoluta disponibilità a collaborare all’iniziativa in termini documentali, archivistici, di ricerca e di ricostruzione storica di quanto accaduto, ma è giunto il momento di studiare e lanciare altre due iniziative fondamentali: la petizione del popolo biancazzurro e la costituzione di un comitato ad hoc, la “Consulta Biancazzurra”, per supportare, fiancheggiare o finanche promuovere qualsivoglia iniziativa e/o azione finalizzata all’ottenimento dell’assegnazione ex aequo dello Scudetto 1914-1915! Vocatio ad unitatem: aiutiamo la Lazio ad aiutare la propria storia centenaria…

LEAVE A REPLY